Live Sicilia

L'affondo di Genchi

"Berlusconi tradito da se stesso
Ma non mi piace questo governo opaco"


VOTA
0/5
0 voti

berlusconi, gioacchino genchi, governo monti, Cronaca, Palermo, Politica
"Questo è un governo monocolore, uno dei primi della storia della Repubblica. Un governo monopartito, il partito di Palazzo Giustiniani". L'ha detto alla Zanzara su Radio 24
Gioacchino Genchi, ex funzionario di polizia e oggi avvocato di Raffaele Lombardo, protagonista di molte inchieste giudiziarie insieme a Luigi De Magistris e avversario di Silvio Berlusconi.

"Basta guardare il curriculum, la storia non solo dei ministri, ma anche dei sottosegretari", dice Genchi, "per capire che fanno parte di un unico grande partito che ha capito che il vero governo si fa con il trasversalismo. Hanno sempre governato l'Italia e ora vengono allo scoperto. E' il potere che non passa certo per il Parlamento, ma per altri centri che decidono le cose importanti: banchieri, alti funzionari, prefetti, persino militari".

"Berlusconi mi ha fatto destituire dalla polizia, oggi sono quasi pentito di essere stato un suo fiero avversario", dice Genchi. "E' positivo che Berlusconi sia andato via - dice ancora alla Zanzara- soprattutto per tutti i 'figuri' di cui si è circondato, nell'ultimo periodo a parte il delirio erotico, è stato colto da geotropismo negativo, la tendenza di poche piante ad andare verso il basso: si è accompagnato a persone peggiori di lui. Però - conclude Genchi - nel bene o nel male dell'ex premier dopo vent'anni conoscevamo tutto, pregi e difetti, di questi qui invece non sappiamo nulla. Meglio, gran parte degli italiani non sa niente. E' tutto più opaco".