Live Sicilia

Salvatore Borsellino

"Paolo ucciso per la trattativa
Per anni sono stato preso per pazzo"

Giovedì 08 Marzo 2012 - 12:34
Articolo letto 552 volte

Condividi questo articolo

VOTA
0/5
0 voti
"Sono contento di questa notizia. Da almeno quattro anni sostengo ad alta voce che mio fratello è stato eliminato perché si era messo di traverso nella scellerata trattativa tra pezzi dello Stato e Antistato". Lo ha detto Salvatore Borsellino, fratello del magistrato ucciso in via D'Amelio, ospite di "24 Mattino" su Radio 24 dopo la svolta sulla strage di via D'Amelio da parte della procura di Caltanissetta.

"Questo - ha aggiunto - mi fa sperare che siamo sulla via giusta per quanto riguarda la verità su via D'Amelio. Da anni sostengo questa tesi e all'inizio venivo quasi preso per pazzo quando accusavo uomini delle istituzioni di avere portato avanti e poi coperto questa trattativa. La cosa tragica è che per 20 anni ci sia stata una congiura del silenzio. Ora mi aspetto che, visto che la trattativa c'é stata, siano individuati i pezzi dello Stato che l'hanno portata avanti. Pretendo che si arrivi alla verità. E' impossibile che sulla storia del nostro Paese debba gravare questo peccato originale della strage di via D'Amelio. Senza quelle stragi del '92 non ci sarebbero stati i 20 anni successivi, quelle stragi sono state funzionali all'evoluzione politica del nostro Paese".



Segnala il commento