Live Sicilia

Palermo, un'azienda di forniture sanitarie

Evasione fiscale record
La società salda subito il debito


Articolo letto 3.260 volte

La finanza di Palermo scopre un'azienda che non ha pagato tasse per tre milioni e mezzo di euro. Detratto pure il noleggio di una barca per le le vacanze estive. E i soci pagano il conto allo Stato. Subito e in contati.

VOTA
0/5
0 voti

evasione, finanza, fiscale, forniture, ospedaliere, palermo, Cronaca
La finanza scopre una maxi evasione fiscale e l'azienda restituisce subito il maltolto. I titolari della Medical Service srl con sede a Palermo hanno saldato il conto con lo Stato depositando un milione e 400 mila euro in un conto corrente messo a disposizione dell'autorità giudiziaria. In questa maniera la Srl ha evitato che la Procura sequestrasse la società madre e alcune satellite.

La Medical Service è leader nella fornitura di prodotti medicali e ortopedici agli ospedali e alle case di cura convenzionate con il servizio sanitario nazionale. Le fiamme gialle del Comando provinciale hanno scoperto un‘evasione fiscale per 3 milioni e mezzo di euro. Due milioni e mezzo per ricavi non dichiarati e un milione per costi dedotti senza alcun titolo. Tra questi ci sono alcune spese di rappresentanza, ma anche quelle per l'affitto dell’abitazione privata di un socio e per il noleggio di una barca di 22 metri utilizzata durante le vacanze estive.

Quattro persone sono state denunciate, a cominciare dall'amministratore Francesca Paola Giunta. Gli accertamenti hanno riguardato le scritture contabili del 2009.

Il pool investigativo appositamente creato per stanare gli evasori e coordinato dal procuratore aggiunto Ignazio De Francisci e dal sostituto Calogero Ferrara ha disposto d’urgenza il sequestro dei beni nella disponibilità di tutti i soci fino a coprire la cifra delle tasse evase. L'azienda, tramite l'avvocato Erico Tignini, ha scelto di pagare subito, evitando il blocco patrimoniale. E così sono stati versati un milione e quattrocento mila euro sul conto corrente. Somma, per la verità, superiore a quella che serviva: 1.393.183,54 euro.

Il provvedimento di sequestro è stato firmato dal giudice per le indagini preliminari Guglielmo Nicastro.