Live Sicilia

ASSEMBLEA A VILLA FILIPPINA

Il Pd del futuro con gli under 30,
"Noi siamo ricostruttori"

Domenica 17 Giugno 2012 - 19:58
Articolo letto 1.927 volte

SEGUI

Assemblea a Villa Filippina dei giovani del Pd. "Bisogna rinnovare il partito", hanno dichiarato. Stilato un documento che parla di Termini Imerese e delllo sviluppo economico siciliano.

Condividi questo articolo

Oggi pomeriggio i giovani democratici siciliani si sono dati appuntamento a Villa Filippina per discutere il PD del futuro. Il documento presentato dalle nuove leve del partito, raccoglie il favore anche dei non più giovanissimi. "L'essere il fanalino di coda del Paese e l'inadeguatezza della nostra classe dirigente - dice Tania Spitaleri - ci hanno spinto a dare vita al confronto e alla discussione". Ma in generale, l'autoreferenzialità e la mancanza di offerta politica, sono le accuse fatte dai giovani democratici al partito. "Non è un discorso generazionale - continua la rappresentante democratica - siamo qui per un contributo di merito, vogliamo essere parte del cambiamento all'interno di questo partito" rifiutando così l'aggettivo di rottamatori. "E' venuta a mancare una visione della qualità della politica - attacca Peppe Provenzano giovane dirigente Pd - noi non abbiamo partecipato alla discussione di un partito che si divideva tra cuffardiani e lombardiani, per questo non sono le alleanze che devono essere al centro della politica del Pd". I democratici under 30 non vogliono essere considerati dei rottamatori: "Piuttosto dei ricostruttori - precisa Provenzano -  perché è un vecchio vizio siciliano quello di pensare che si debba appartenere necessariamente a qualcuno. Noi vogliamo parlare un linguaggio che capiscano i siciliani, non siamo interessati agli accordi di palazzo".

Il documento parla di una presa di posizione del partito nei confronti di Termini Imerese e delllo sviluppo economico siciliano, ritrovando le situazioni, a loro parere, più pericolose. La ricerca e il miglioramento e ammodernamento del sistema agricolo sono al centro del programma dei democratici, che vedono nella filiera agricola di qualità e nell'esportazione di prodotti doc il rilancio dell'economia siciliana. Non tutti giovanissimi i presenti, molte le teste brizzolate, o del tutto bianche, tra i partecipanti all'assamblea. Con l'intervento di Simona Mafai, gli over 30, danno il benvenuto a questa nuova esperienza. "Ho piacere di essere qui, è una bella notizia sapere di giovani che si uniscono per discutere e fermare la deriva del partito" che concludendo con l'inesortazione ad essere fieri di appartenere al Pd si conclude la prima parte dell'incontro.

A seguire brevi interventi di cinque minuti, in stile leopolda ma senza il timer, dove alcuni dei militanti del pd hanno dato la loro opinione sul documento e sulle attività del Pd nell'Isola. Uno dei principali promotori del documento è Giuseppe Provenzano, che indica come sia necessario mettere in campo idee nuove e consapevolezze diverse. Ma non solo Sicilia nelle parole del giovane nisseno: "Campania e Sicilia oggi assomigliano troppo alla Grecia, e la nostra generazione, la prima ad essere europea, si vede sconvolgere il futuro proprio dalla stessa Europa in cui ci avevano detto di credere".
Ultima modifica: 17 Giugno 2012 ore 20:02



Segnala il commento