Live Sicilia

Formazione professionale, Caputo (Pdl)

"Un milione per controllare l'Oif
Ennesimo spreco del governo"


Articolo letto 3.383 volte

formazione professionale, giunta orlando, oif, salvino caputo, Politica
"La Regione Siciliana ha affidato per un milione di euro le attività di controllo e di rendicontazione dell’Oif, l'Offerta Formativa per l’obbligo di Istruzione e Formazione, a società che hanno tra i componenti esponenti vicini al Pd e uno vicino all’assessore della nuova Giunta comunale guidata da Orlando". A lanciare l'accusa è il deputato regionale del Pdl Salvino Caputo, che pur non rivelando il nome dell'assessore, aggiunge: "Mi chiedo che motivo c’era di affidare all’esterno un’attività che invece poteva essere svolta dalle professionalità interne della Regione e dell’assessorato alla Formazione”.

Caputo, che è anche presidente della commissione Attività produttive, ha presentato un'interrogazione per conoscere l’ammontare delle somme impegnate per l’affidamento alle società Connect Sud e Izi Spa e i criteri utilizzati per la loro individuazione. “Siamo di fronte – ha aggiunto il parlamentare - ad un altro spreco di denaro pubblico che dimostra ancora una volta la gestione del settore della Formazione in Sicilia da parte del governatore Lombardo e della sua giunta”.

E a destare maggiore attenzione è la Connect Sud tra i cui soci vi è Luciano Abbonato, commercialista e orlandiano di ferro, già assessore tecnico designato nel 2007 dal Professore e al momento componente dello staff del sindaco, e tra i cui consiglieri figura Manfredi Ajovalasit, la cui famiglia è da sempre vicina ai Ds.

A stretto giro di posta è arrivata la risposta del Comune di Palermo. "Con riferimento al comunicato stampa e all'interrogazione parlamentare con cui l'onorevole Salvino Caputo chiede chiarimenti sul presunto affidamento a società di assessori della giunta Orlando in contratti inerenti la formazione professionale in Sicilia - si legge in una nota - si precisa che nessun assessore ha rapporti con le società indicate. Sarà l'Amministrazione regionale a rispondere secondo i propri regolamenti all'atto ispettivo".