Live Sicilia

NUOTO MASTER

L'orgoglio di capitan Griffo:
"Waterpolo super ai Mondiali"

Lunedì 25 Giugno 2012 - 11:21
Articolo letto 1.101 volte

Il capitano della Waterpolo Palermo, capo della spedizione iridata a Riccione, traccia un bilancio dopo la conquista di 11 medaglie: "Nonostante le difficoltà e la carenza di impianti abbiamo portato lustro alla città di Palermo. Il prossimo appuntamento è a Montreal. Il mio sogno? Ospitare un Mondiale in Sicilia".

Condividi questo articolo

VOTA
0/5
0 voti
griffo, medaglie, mondiali, montreal, nuoto master, riccione, waterpolo, Sport
Chiamarlo soltanto sport o disciplina sembra quasi riduttivo. Perché il nuoto master, negli anni, ha saputo reinventarsi e diventare un vero e proprio fenomeno sociale. Molti gli ex professionisti che hanno deciso di cimentarsi ancora con la vasca ed a farlo ad altissimi livelli. Un esempio su tutti, quello di Jim Montgomery tre ori e un bronzo olimpici a Montreal nel 1976, sette ori mondiali tra Belgrado, Calì e Berlino. Primo uomo a scendere sotto i 50'' nei 100 metri stile libero in occasione dell'oro a cinque cerchi.

E il nuotatore americano ha anche partecipato agli ultimi campionati del Mondo di nuoto Master, che si sono chiusi a Riccione pochi giorni fa. Tra i protagonisti della rassegna iridata, un gruppo di palermitani che, da anni, in vasca mettono in riga gente che in carriera ha conquistato medaglie tra Olimpiandi e Campionati vari. il gruppo piu numeroso è stato quello della Waterpolo che è riuscita a portare a casa 11 medaglie dal Mondiale portando Palermo davanti a tutti. “Nella nostra città, nonostante le difficolta legate ad una precarietà degli impianti – commenta Fabrizio Griffo, vicecampione del Mondo e capitano della spedizione palermitana a Rimini - il nuoto per una strana alchimia è riuscito ad esplodere come fenomeno sociale e sportivo arrivando ad ottenere risultati che hanno dell'incredibile sia sotto forma di numeri (società, atleti ed allenatori) sia come prestazioni sportive cronometriche,in barba ai piu stereotipati concetti sull'invecchiamento. Nei campionati appena conclusi hanno partecipato più di diecimila atleti, molti dei quali ex professionisti. Tutta gente che ha vinto Olimpiadi, Mondiali ed Europei. Non c'erano atleti per hobby o passatempo. Il livello era altissimo e siamo orgogliosi d'aver portato, ancora una volta, Palermo sul tetto del mondo. Le prossime edizioni si svolgeranno a Montreal, in Canada, e sarebbe bello un giorno - considerato soprattutto la qualità dei suoi atleti - che anche la nostra città riuscisse ad ottenere l'assegnazione di questa manifestazione come è capitato con i Campionati Italiani nel 2008”. Sperare non costa nulla, intanto i nuotatori di casa nostra continuano a vincere.



Segnala il commento