Live Sicilia

Operazione dei carabinieri

Misilmeri "capitale" della droga
Diciotto pusher in manette


Articolo letto 9.027 volte

Le indagini avviate nel 2010 hanno smascherato un giro d'affari di 15 mila euro a settimana. In molti andavano nel paese in provincia di Palermo per rifornirsi di cocaina, eroina e hashish.

VOTA
4.8/5
19 voti

arresti, carabinieri, droga, misilmeri, Cronaca, Palermo
Diciotto arresti per droga. Misilmeri era diventata una centrale dello spaccio per i consumatori di una grossa fetta della provincia palermitana. L'operazione è dei carabinieri del Comando provinciale. Le misure cautelari sono firmate dal procuratore di Termini Imerese, Alfredo Morvillo, e dal sostituto Giacomo Urbano.

Le indagini avviate nel 2010 hanno smascherato un giro d'affari di 15 mila euro a settimana. In molti andavano nel paese in provincia di Palermo per rifornirsi di cocaina, eroina e hashish. Tutto è iniziato con un posto di blocco. Un giovane ha ammesso di fare uso di droga e ha detto di averla comprata da un tizio di cui conosceva solo il nome, Massimo. Massimo faceva la spola fra la zona di corso dei Mille, a Palermo, e il centro di Misilmeri. I militari hanno seguito i suoi spostamenti e registrato oltre cento episodi di spaccio. La cessione di droga era preceduta dall'sms del cliente. Poi, l'appuntamento in un bar della piazza centrale del paese per acquistare “una birra” o “mezza birra”, a secondo della quantità della dose.

Massimo si muoveva a bordo di una motocicletta di grossa cilindrata e si faceva aiutare dalla compagna. Gli affari andavano a gonfie vele tanto che aveva iniziato a rifornirsi da alcuni corrieri napoletani che portavano gli stupefacenti in nave. E il mercato era in espansione. Un gruppo di spacciatori aveva invaso anche la piazza di Siracusa. Oltre 200 i consumatori di droga segnalati alla prefettura. Nel corso delle indagini sono anche emerse le responsabilità di alcuni indagati per alcune rapine.