Live Sicilia

CORTE D'APPELLO, DODICI ANNI A GRIGOLI

Supermercati a servizio della mafia
Vent'anni a Messina Denaro

Mercoledì 04 Luglio 2012 - 19:30
Articolo letto 2.017 volte

Condanna in appello per Matteo Messina Denaro (vent'anni) e Giuseppe Grigoli (12 anni), ex ex gestore dei supermercati Despar in Sicilia occidentale, ritenuto prestanome del boss di Castelvetrano.

Condividi questo articolo

VOTA
1/5
2 voti
La sesta sezione della Corte d'appello di Palermo ha condannato a 20 anni per associazione mafiosa il capomafia latitante Matteo Messina Denaro e a 12 anni Giuseppe Grigoli, ex gestore dei supermercati Despar in Sicilia occidentale, ritenuto prestanome del boss di Castelvetrano.


L'imprenditore, secondo l'accusa, avrebbe messo a disposizione di Cosa Nostra, al fine di consentirne l'ulteriore espansione economica, la sua catena di negozi, finanziando la mafia. Entrambi erano già stati condannati in primo grado dal tribunale di Marsala che aveva disposto la confisca dei beni sequestrati a Grigoli tra il 2007 e il 2008 (dodici società, 220 fabbricati, 60 ettari di terreno e uno yatch). Beni il cui valore complessivo è stato stimato in 700 milioni di euro.
Ultima modifica: 04 Luglio 2012 ore 19:34



Segnala il commento