Live Sicilia

Gianfranco Micciché

"Con Lombardo la Sicilia
è la barzelletta d'Italia"

Domenica 08 Luglio 2012 - 16:58
Articolo letto 2.647 volte

Secondo il leader di Grande Sud, "La vicenda del recluso per stalking indicato come presidente del collegio sindacale di Sicilia e servizi è l'emblema di una stagione di deliri di onnipotenza".

Condividi questo articolo

VOTA
3.5/5
10 voti
lombardo, micciché, sicilia e-servizi, trafficante, Politica
"La vicenda del recluso per stalking indicato come presidente del collegio sindacale di Sicilia e servizi è l'emblema di una stagione di deliri di onnipotenza che stanno ridicolizzando la Sicilia agli occhi dei più". Così il leader di Grande Sud, nell'ultimo post del suo blog 'Sud'.

"La mania compulsiva del governatore Lombardo nell'assegnare poltrone agli amici degli amici, forse per garantirsi qualche vecchio o nuovo consenso elettorale - aggiunge l'esponente del movimento arancione -, sta causando dei danni inenarrabili, tanto solo sotto il profilo economico, quanto a livello d'immagine".

"La Sicilia, infatti, sta diventando - sottolinea - la barzelletta dell'intera nazione: sprechi a iosa, classe burocratica elefantiaca e onnipresente, assessori regionali che scappano per non finire più nel tritacarne mediatico, corsa all'occupazione militare delle poltrone e assurda ossessione di certa politica nel parlare solo dei propri problemi, disconoscendo o non volendo affrontare quelli dei cittadini". "Quanto ancora deve continuare questo teatro dei pupi? Bisogna smontare baracca e burattini. La Sicilia merita di meglio", conclude Miccichè.
Ultima modifica: 09 Luglio 2012 ore 11:51



Segnala il commento