Live Sicilia

CONSIGLIO. SALVATORE FINAZZO (UDC)

"Nessun conflitto di interessi
Se ci fosse, uscirei dall'Aula"

Martedì 10 Luglio 2012 - 21:48
Articolo letto 2.758 volte

SEGUI

Il neo vicepresidente di Sala delle Lapidi, Salvatore Finazzo (nella foto), che è anche uno degli amministratori della Sicurcenter che ha vinto un bando del comune per la vigilanza privata, assicura: "Nessun conflitto di interessi, se si parlerà di certi argomenti uscirò dall'Aula".

Condividi questo articolo

VOTA
1/5
1 voto
comune palermo, consiglio comunale, sala delle lapidi, Salvatore Finazzo, sicurcenter, udc, vigilanza privata, Palermo
“Se in consiglio si discuterà di argomenti che avessero una qualche attinenza col mio lavoro, uscirà dall'Aula”. Parola di Salvatore Finazzo. Il nuovo vicepresidente di Sala delle Lapidi, eletto questa mattina e approdato a piazza Pretoria tra le file dell'Udc, mette subito le mani avanti e prova a stroncare sul nascere le possibili polemiche su un presunto conflitto di interessi.

Salvatore Finazzo, infatti, è uno degli amministratori delegati della Sicurcenter spa, del gruppo Sicurtransport, il cui direttore generale è Luciano Basile e che si occupa di vigilanza privata. E proprio la Sicurcenter, qualche mese fa, si è aggiudicata la gara per il servizio di vigilanza della Galleria d'arte moderna di Sant'Anna. E a Palazzo delle Aquile più di un consigliere, dietro l'assicurazione dell'anonimato, grida al conflitto di interessi e chiede a Finazzo di scegliere tra l'azienda e il ruolo di consigliere, rifacendosi anche ad un'interpretazione del testo unico degli enti locali che sancirebbe l'incompatibilità tra le cariche.

“Se così fosse – precisa Finazzo – adotterò le relative misure, ma il lavoro non è una colpa. L'azienda ha sede a Palermo ma opera in tutto il Mezzogiorno, oggi dopo il consiglio sono volato a Bari proprio per lavoro. Ma assicuro che sarò molto cauto, non mi occuperò di cose che possano avvantaggiare l'azienda. Però non posso certo finire in mezzo a una strada, continuerò a lavorare fino alla pensione”.
Ultima modifica: 11 Luglio 2012 ore 19:09



Segnala il commento