Live Sicilia

Nel Ragusano

Agguato mafioso a Vittoria
E' morto Francesco Nigito

Mercoledì 18 Luglio 2012 - 16:04
Articolo letto 3.674 volte

Sono stati colpiti da colpi di arma da fuoco sparati da un'auto al passaggio i tre fratelli Nigito, protagonisti di un guerra di mafia negli anni '90. Francesco Nigito è deceduto per complicanze post-operatorie (nella foto di Franco Assenza i rilievi della scientifica).

Condividi questo articolo

VOTA
1.4/5
11 voti
guerra di mafia, ragusa, sparatoria, vittoria, Cronaca, Ragusa
Tre fratelli Francesco, Giuseppe e Gianluca Nigito sono stati feriti da diversi colpi di arma da fuoco in via Adua nel centro di Vittora. I proiettili sono stati sparati da sicari in auto. I Nigito erano stati coinvolti in una guerra di mafia negli anni '90. E nonostante un lungo intervento chirurgico Francesco Nigito non ce l'ha fatta. Una delle pallottole aveva perforato l'aorta addominale e i sanitari dell'Ospedale di Vittoria non sono riusciti a bloccare l'emorragia nonostante le continue trasfusioni di sangue. Francesco Nigito è morto a seguito delle complicanze postoperatorie; il suo decesso aggrava la posizione degli autori dell'agguato mafioso di Vittoria. La Polizia è sul punto di individuare gli autori della lite per una questione di affari relativa al controllo del mercato dei videopoker e delle macchine da caffè negli esercizi pubblici di Vittoria.

I tre feriti sono stati trasportati nel pronto soccorso di Vittoria. Secondo una prima ricostruzione i fratelli stavano discutendo in via Adua, poco prima delle 14, quando da un'auto sono stati esplosi diversi colpi di arma da fuoco. I tre uomini sono stati copiti in diverse parti del corpo. I Nigito sono conosciuti alle forze dell'ordine perché negli anni '90 furono al centro di una guerra di mafia con la famiglia D'Agosta, che guidava il clan 'Mammasantissima'. La madre dei Nigito sta scontando una pena detentiva perché accusata di traffico di droga: veniva chiamata 'mamma eroina'.
Ultima modifica: 18 Luglio 2012 ore 22:34



GEOTAG

Segnala il commento