Live Sicilia

ISTRUZIONE

Siglato l'accordo tra Regione e Miur

Mercoledì 08 Agosto 2012 - 17:36
Articolo letto 1.683 volte

E' stato firmato a Roma l'accordo di programma "Distretti ad alta tecnologia e laboratori pubblico privati per il rafforzamento del potenziale scientifico e tecnologico della Regione siciliana".

Condividi questo articolo

VOTA
0/5
0 voti
accordo, miur, regione, sicilia, Le brevi, Scuola & Formazione

Firmato ieri a Roma, nella sede del Miur, l'accordo di programma "Distretti ad alta tecnologia e laboratori pubblico privati per il rafforzamento del potenziale scientifico e tecnologico della Regione siciliana", identificabili in aggregazioni territoriali di attività ad alto contenuto tecnologico all'interno delle quali apportano il proprio contributo enti pubblici di ricerca, grandi imprese, piccole imprese (nuove o già esistenti), enti locali. "La firma dell'accordo - spiega la presidenza della Regione siciliana - segna l'ultimo passo di un percorso fortemente voluto dall'amministrazione regionale al fine di sviluppare concretamente iniziative imprenditoriali competitive, in quanto ad alto contenuto di ricerca e produce un'efficace collegamento e coordinamento tra le diverse componenti del sistema regionale dell'innovazione: comunità scientifica, settori produttivi sulla frontiera tecnologica e settori produttivi maturi". L'accordo, siglato grazie a un'azione congiunta fra Regione e governo nazionale, prevede un quadro complessivo di risorse per la Sicilia di oltre 232 milioni e si attua con due linee di intervento. La prima per lo sviluppo e potenziamento di distretti ad alta tecnologia e laboratori pubblico privati, riguarda i tre distretti già esistenti: - il D.T. Micro e nanosistemi; - il D.T. dell'agrobio e pesca ecocompatibile; il D.T. trasporti navali, commerciali e da diporto e tre laboratori pubblico-privati: "Wyeth Lederle", "Sicilab" e "Laboratorio di tecnologie oncologiche Hsr Giglio e Università di Messina".



Segnala il commento