Live Sicilia

PALERMO

"Facevo l'animatore, poi..."
Nuovi sacerdoti per don Pino

Giovedì 13 Settembre 2012 - 20:11
Articolo letto 3.758 volte

Nuovi sacerdoti a Palermo nel nome di don Pino Puglisi, di cui ricorre l'anniversario dell'omicidio. Ecco le loro storie, come hanno scoperto la vocazione.

Condividi questo articolo

VOTA
3.3/5
6 voti
don pino puglisi, ordinazioni, palermo, sacerdoti, Palermo
PALERMO- C’era chi era capo animatore in un villaggio turistico e sognava di sfondare nel mondo dello spettacolo, un altro voleva diventare architetto, un altro ancora ha scoperto Dio durante il servizio militare e il quarto in un campo vocazionale. Sono i quattro giovani che saranno ordinati presbiteri sabato 15 settembre, in occasione del XIX anniversario del martirio del servo di Dio, padre Pino Puglisi che presto sarà elevato agli onori degli altari.

Si tratta di don Francesco Di Maio, 37 anni della parrocchia Santa Cristina in Borgonuovo alunno dell’Almo Collegio “Capranica”, conseguirà la licenza in “Patristica” presso il Pontificio istituto “Augustianianum”, don Matteo Ingrassia, 30 anni della parrocchia Cuore Immacolato di Maria in Misilmeri, don Sergio Matranga, 31 anni della parrocchia di Santa Rosalia San Lorenzo e don Massimiliano Turturici, 34 anni della parrocchia di Santa Petronilla in Trabia. (in ordine nella foto) La solenne liturgia Eucaristica di ordinazione si svolgerà in Cattedrale alle ore 18, per l’imposizione delle mani e la preghiera consacratoria del card. Paolo Romeo.

“La mia vocazione è nata mentre svolgevo il servizio militare – dichiara don Francesco Di Maio – quella è stata una esperienza molto forte che mi ha segnato e mi fatto scegliere di seguire il Signore per tutta la vita. Sono onorato di dovere vivere la mia ordinazione nel giorno in cui ricorre l’anniversario del sacrificio di padre Pino Puglisi”. Don Matteo Ingrassia, dopo quasi due anni come studente alla facoltà di Architettura è entrato in seminario e al termine del percorso teologico è stato inviato all’Almo Collegio “Capranica”. E’ prossimo a conseguire la licenza in “Dogmatica” presso la Pontificia Università Gregoriana. “Pensavo di fare l’architetto – dice – ma poi si è fatta sentire prorompente la chiamata del Signore a cui ho aderito senza remore. Spero di soddisfare le aspettative di chi ha creduto in me e in particolare del Vescovo per il bene della Chiesa locale”.

Don Sergio Matranga, ha avvertito il desiderio di diventare presbitero durante un campo vocazionale che il seminario arcivescovile organizza per i giovani che terminano gli studi al liceo. “Sono profondamente sereno e conscio del compito che attende – per me la data del 15 settembre resterà indelebile nella mia mente perché sarà sempre l’anniversario di ordinazione nel giorno del martirio di Padre Pino Puglisi”. Don Massimiliano Turturici sarà il primo presbitero di Trabia, ordinato dopo 82 anni. “Il mio sogno era di diventare famoso – afferma – tanto che facevo l’animatore nei villaggi turistici ed ho partecipato a diversi spettacoli televisivi ed anche ad una selezione per “Miss Italia” come conduttore, insieme ad Elisabetta Gregoraci. Un giorno però ho sognato di diventare prete e di celebrare messa indossando una casula di colore verde, da allora ho capito che era quella la mia strada”.

Domenica 16 settembre i novelli presbiteri presiederanno per la prima volta le seguenti celebrazioni Eucaristiche: don Francesco Di Maio – Parrocchia Santa Cristina ore 10.30, don Matteo Ingrassia – Parrocchia San Giovanni Battista Misilmeri ore 19, don Sergio Matranga – Parrocchia Santa Rosalia ore 11.30 e don Massimiliano Turturici nella chiesa di Santa Petronilla Trabia alle ore 18.30.

 
Ultima modifica: 14 Settembre 2012 ore 10:15



Segnala il commento