Live Sicilia

PALERMO

Irruzione degli addetti alle pulizie
Ecco il video del Policlinico

Venerdì 14 Settembre 2012 - 13:29
Articolo letto 3.371 volte

SEGUI

Gli addetti alle pulizie licenziati al Policlinico di Palermo. In esclusiva il video che documenta l'irruzione durante una riunione della direzione generale con il manager Mario La Rocca

Condividi questo articolo

VOTA
1.5/5
10 voti
PALERMO - Sono le immagini di cinquanta minuti di tensione e rabbia. La rabbia esplosa il 2 agosto scorso nell'aula magna del Policlinico di Palermo. Le immagini del sistema di videosorveglianza hanno filmano l'irruzione di alcuni dipendenti della Euroservice durante una riunione convocata dal direttore generale Mario La Rocca.

La Euroservice è l'impresa di pulizie calabrese cacciata perché accusata di avere mantenuto l'ospedale sporco. Da qui la rescissione del contratto per “gravi inadempienze”.

Marco Tuzzolino, che della Euroservice è il rappresentante in Sicilia, è tra i più accesi. Si avvicina al manager. Volano urla e insulti. La Rocca viene spinto. Il clima è pesante. In ballo ci sono 130 posti di lavoro e le condizioni igieniche di un ospedale.

Tuzzolino non ci sta. "Nessuno nei tanti uffici e ospedali italiani in cui la Euroservice lavora - dice a Live Sicilia - ha mai contestato un disservizio. E anche al Policlinico le pulizie erano fatte a regola d'arte". Tuzzolino va oltre, ritiene che ci sarebbero state delle manovre poco chiare per favorire un'altra azienda. Tutto contenuto in un esposto finito sul tavolo della magistratura.

Anche La Rocca, che ha sempre difeso la scelta della rescissione del contratto (“Non potevamo accettare un servizio scadente con picchi di criticità nei reparti di neonatologia") ha presentato una denuncia per l'irruzione del due agosto. Dice di essere stato sequestrato. Una ricostruzione, anche questa, bollata come falsa da Tuzzolino.

Vi mostriamo in esclusiva le immagini del 2 agosto. Dal momento dell'irruzione all'arrivo della polizia.
Ultima modifica: 15 Settembre 2012 ore 10:18



Segnala il commento