La figlia del magistrato ucciso dalla mafia racconta il perché del "sì" a Rosario Crocetta, che l'ha fortemente voluta come suo assessore alla Sanità. Parla di un cognome pesante da portare, delle competenze acquisite da dirigente regionale e dell'appoggio della famiglia.