L'organizzazione aveva base nel capoluogo ma coinvolgeva cittadini romeni, africani e asiatici e aveva ramificazioni internazionali per carpire sul web codici di carte di credito. Danneggiate per oltre 10 milioni di euro numerose compagnie di navigazione e di trasporto aereo e ferroviario.