Live Sicilia

Crocetta presenta il simbolo per il Senato
"Non sarò capolista"


Articolo letto 8.890 volte
candidati, crocetta, elettori, megafono, politiche, regione, simbolo, sostenitori, tusa, Politica

All'Atelier sul mare di Tusa, dove riunisce i propri sostenitori, il governatore non cede alle presioni dei tanti che lo vorrebbero come guida della lista che verrà presentata per Palazzo Madama: "Non è necessario". Via libera a Beppe Lumia. "Puntiamo ad avere cinque senatori, andando ben oltre il 3%". Spiragli sul Muos: "Nessuna sfida agli Usa, ma prima di tutto la salute. Daremo l'ok soltanto davanti a un parere dell'Organizzazione mondiale della sanità".

VOTA
2.6/5
20 voti

FINE DELLA DIRETTA

TUSA (MESSINA) - Ore 17:00 Proseguono gli incontri tra Crocetta e i singoli rappresentanti dei coordinamenti provinciali del Megafono. L'obiettivo è quello di completare la lista da presentare alle elezioni per il rinnovo del Senato. Al lavoro anche alcuni tra i deputati regionali più vicini al governatore, tra cui Antonio Malafarina. L'Assemblea è di fatto sciolta, per conoscere tutti i nomi del Megafono bisognerà attendere ancora qualche giorno.

Ore 14:31 - L'Assemblea è stata sospesa. In questo momento si stanno riunendo i singoli coordinamenti provinciali de "Il Megafono".

Ore 14:13 - Torna a parlare il governatore, che chiude definitivamente la questione sul capolista: "La lista ha già al suo interno il riferimento al mio nome ('Il Megafono - Lista Crocetta', ndr). Non è necessario che io sia capolista, anche perchè il sistema elettorale non prevede il voto di preferenza". Parole che aprono definitivamente la strada a Beppe Lumia, che guiderà la pattuglia dei crocettiani. Dietro al senatore del Pd compariranno il mecenate Antonio Presti e l'assessore regionale all'Energia, Nicolò Marino.

Ore 14:00 - Parla Anna Scordio, già assessore alla Pubblica istruzione nella giunta Crocetta a Gela: "Il capolista deve essere Crocetta, perchè lui il nostro leader. Il movimento è troppo giovane, è necessario che il presidente della Regione sia in cima alla lista".

Ore 13:50 - Chiusa la parentesi sul Muos, l'assemblea riunita all'Atelier sul Mare affronta l'argomento principe dell'incontro: la lista Il Megafono. In tanti chiedono a Crocetta di ricoprire il ruolo di capolista per Palazzo Madama.


Ore 13:38 - "Stiamo soltanto chiedendo alla Marina degli Stati Uniti di fornirci la documentazione necessaria a rendere validi i nullaosta concessi precedentemente dalla Regione siciliana. Senza gli studi da noi richiesti, quei nullaosta sono sottoposti a vizio di nullità".


Ore 13:25 - Il presidente della Regione torna a parlare del Muos e rivela: "E' stato fatto uno studio di impatto ambientale di tipo ingegneristico, affidato dalla Marina Militare statunitense e che, tra le altre cose, non rivela l'influenza delle onde elettromagnetiche sulla navigazione aerea".

Ore 13:10 - Crocetta: "In lista ci saranno dieci donne. Puntiamo ad avere cinque senatori, andando oltre il 3%".

Ore 12:55 - Intanto, Crocetta annuncia ufficialmente l'avvenuta presentazione presso il minitsero dell'Interno del simbolo della lista che correrà soltanto per il Senato. Il simbolo è stato scoperto in sala tra gli applausi di circa duecento tra simpatizzanti e sindaci vivicni al governatore.

Ore 12:20 - "Nessuna sfida al governo nazionale nè a quello degli Stati Uniti, tuttavia lo Statuto dà al presidente della Regione il rango di ministro per le questioni che riguardano la Sicilia e io intendo esercitare questa prerogativa". Lo ha detto il presidente della regione, Rosario Crocetta, a Tusa, in provincia di Messina, incontrando i sostenitori della lista che il governatore presenterà per il senato e che sarà federata al Pd.

Ore 12:30 - L'incontro di tiene presso l'hotel Atelier sul mare, di Antonio Presti, il mecenate amico del governatore e che andrà in lista per Palazzo Madama. "Nessuna preclusione ideologica nei confronti del Muos - ha aggiunto Crocetta- ma il diritto alla salute è sancito dalla nostra Costituzione e assorbe qualsiasi accordo internazionale. Chiediamo che ci sia un organismo internazionale come l'Organizzazione mondiale della sanità a garantire che non vengano superati i limiti previsti dalla legge riguardo alle emissioni - ha continuato il governatore -. Vogliamo che gli Usa finanzino quanto necessario a impedire che vengano superati i limiti di emissione e che finanzino anche le misure compensative del disagio arrecato ai cittadini.