Live Sicilia

Ritratto di Peppuccio Insalaco


Articolo letto 2.736 volte

L'ex sindaco di Palermo, che rimase in carica a Palazzo delle Aquile per appena cento giorni, venne presentato come l'uomo del cambiamento.

VOTA
5/5
1 voto

insalaco, vecchio, Le firme, Palermo
Un ritratto di Giuseppe Insalaco a firma Angelo Vecchio, scrittore e giornalista nato a Licata che nel libro "La mafia dalla A alla Z" (edito dalla Novantacento) ricostruisce la vicenda del primo cittadino.

Sindaco di Palermo per meno di cento giorni, dal 13 aprile all'8 agosto del 1984. Muore assassinato dalla mafia a quarantasette anni la sera del 12 gennaio 1988, sorpreso mentre viaggia in macchina in via Cesareo, a Palermo. Il giorno dell'insediamento a Palazzo delle Aquile viene presentato come l'uomo del cambiamento. Si scontra subito con un mucchio di problemi e annuncia che un giorno vuoterà il sacco con la magistratura. Ma qualcuno non gli lascia il tempo.