Live Sicilia

LA VERTENZA

Aligrup, si rischia il fallimento
Continua l'agonia dei dipendenti


Articolo letto 2.999 volte
aligrup, Catania, centro guadagna, centro leoni, palermo, Economia

Futuro incerto per il Centro Leoni, a Palermo. Doppio incontro nel pomeriggio di oggi. E intanto il tribunale di Catania ha rinviato di un mese la sentenza sull'affitto del ramo d'azienda. Obiettivo: trovare un unico acquirente per tutti i punti vendita.

VOTA
3.3/5
3 voti

PALERMO – Sembra essere entrata in un vicolo cieco la vertenza Aligrup, il gruppo della grande distribuzione in liquidazione che gestisce 45 negozi a marchio Despar, Eurospar, Interspar, Iperspar e Eurocash nelle province di Catania, Palermo, Ragusa, Siracusa, Enna. La trattativa con la Gamac srl, che opera a Palermo con l’insegna Conad, e che sarebbe interessata all’acquisizione di cinque punti vendita: quattro della K&K (via Toti, Brunelleschi, Olimpo e Leoni) e uno di Aligrup (Guadagna), si è arenata sul Centro Leoni a causa di problemi sorti sull’acquisizione dell’immobile. Pare infatti che il proprietario dell'immobile abbia ceduto l'edificio ad una società immobiliare che non avrebbe intenzione di affittarlo alla Gamak. Cosa che mette a rischio l'intero passaggio. E intanto i dipendenti da sei mesilavorano ormai in un negozio vuoto. Di questo si sta discutendo nella riunione in corso all'Ufficio Bilaterale per il terziario di Palermo tra Fisacat Cisl e le aziende. Alle 17,30, invece, ci si sposterà in Prefettura con le sigle sindacali.

“L'unica certezza che abbiamo al momento - commenta a Livesicilia Mimma Calabrò, segretario regionale Fisacat Cisl - è il verbale dello scorso 7 dicembre, che annunciava il passaggio a Gamak del Centro Leoni e Centro Guadagna. Ciò che ci sta a cuore è il futuro dei lavoratori e gli incontri di oggi hanno questo come obiettivo principale”.

Il tribunale di Catania, intanto,che avrebbe dovuto pronunciarsi oggi sul concordato preventivo per l’affitto del ramo d’azienda dell’Aligrup, ha rinviato la sentenza di un mese. La speranza è quella di incentivare un colosso come Coop all'acquisto dei punti vendita. Il rischio infatti è che venga dichiarato il fallimento del gruppo. Cosa che porterebbe alla chiusura di tutti i punti vendita con le conseguenze immaginabili per il personale. Ed è per questo che sempre domani mattina, alle 10, presso la terza commissione Attività produttive dell’Ars è previsto un tavolo di discussione con l’assessore Linda Vancheri al quale parteciperanno le sigle sindacali e i rappresentanti dei lavoratori. "Speriamo - aggiunge Mimma Calabrò - che la Regione possa incentivare una grande azienda a investire sui punti vendita Aligrup”.