Live Sicilia

VIA PALATUCCI

Materassi, copertoni e televisori
La discarica a cielo aperto


Articolo letto 2.268 volte
VOTA
1/5
1 voto

PALERMO - Cresce l'emergenza rifiuti nella città di Palermo. Siamo in via Giovanni Palatucci, strada che collega via Paisiello a via Principe di Paternò, alle spalle del negozio Salamone e Pullara. Un'intera strada colma di rifiuti: a bloccare l'ingresso da entrambi i lati vi sono televisori, materassi, copertoni e carcasse di elettrodomestici. Nonostante le continue segnalazioni dei residenti, stanchi di vedere di fronte le proprie abitazioni questo spettacolo di lerciume, l'Amia non ha ancora provveduto a bonificare l'area.

“Questa è ormai una discarica pubblica. E' stata pulita spesso e continua ad essere sempre la stessa cosa. Puliscono e subito dopo la gente viene a gettare rifiuti”, ha affermato ai microfoni di Livesicilia Vincenzo Cannata, residente in via Veronese. “Consiglio al sindaco Orlando – continua - di chiudere questa strada, come lo era cinque anni fa, cioè con un muro. Così si eviterebbe questo scempio e, allo stesso tempo, anche i costi aggiuntivi per il comune che deve venire a pulire in modo straordinario”.

Il muro che in origine chiudeva l'accesso alla via è stato abbattuto dopo l'apertura di un ristorante per consentire l'accesso ai clienti da entrambi i lati. Adesso che il ristorante non c'è più, i residenti chiedono che il muro venga di nuovo costruito. “Venga bonificata questa strada e chiusa - conclude Vincenzo Fiannaca - A questo punto diamo la parola alle istituzioni”.

"La segnalazione di ripristinare l'igiene e la viabilità l'ho chiesta già da circa una settimana - dichiara la Consigliera Rita Vinci di Idv - ed e' ancora in questo stato. In una città europea e' inconcepibile che la raccolta dei rifiuti debba avvenire senza una reale programmazione, alle colpe dei cittadini si aggiunge la responsabilità di una azienda in mano a 3 commissari incapaci di gestirla. Insieme ai consiglieri Paolo Caracausi e Cosimo Pizzuto speriamo che presto l'azienda torni nelle mani del Comune ed il nostro Sindaco possa designare manager in grado di gestire in maniera professionale una azienda di grande importanza per la nostra città".