Live Sicilia

Il Festival della legalità

In memoria di Ninni Cassarà:
intitolata una via a Ficuzza


Articolo letto 7.969 volte

Una strada intitolata, presso il Bevaio Borbonico di Ficuzza, al capo della squadra mobile ucciso dalla mafia nel ventesimo anniversario dell'arresto del capo dei capi.

VOTA
4.1/5
9 voti

ficuzza, intitolazione, ninni cassarà, via
Il commissario Ninni Cassarà
CORLEONE (PALERMO)- Il Festival della legalità in tour a Corleone si è concluso, oggi, con l'intitolazione di una via alla memoria di Ninni Cassarà, capo della squadra mobile di Palermo assassinato il 6 agosto 1983 insieme all’agente di polizia Roberto Antiochia. Dopo la dedica della strada a Boris Giuliano, infatti, il sindaco di Corleone ha scoperto la targa, presso il Bevaio Borbonico di Ficuzza, alla memoria di un'altra vittima eccellente della cosca mafiosa capeggiata da Totò Riina. Era proprio in quella via che Ninni Cassarà trascorreva le vacanze da ragazzo.

Nel corso dell'evento è intervenuto il cognato di Ninni Cassarà, Andrea Liotta, che ha rievocato la memoria del poliziotto e l'impegno profuso sul fronte della legalità in quella che nell'immaginario collettivo è stata per decenni la “capitale della mafia”. E' proprio di fronte la casa in cui Ninni trascorreva mesi di allegria e spensieratezza che partono i ricordi. “Questa via e questo bevaio rappresentano il ricordo di un giovane allegro e pieno di vita che veniva qui a passare le vacanze – ha detto con emozione Andrea Liotta – la mamma di Ninni ha sempre avuto il desiderio che il figlio venisse ricordato proprio iniziando da questa casa. Oggi è una giornata molto felice per tutta la famiglia ed un'emozione indescrivibile".

Nel corso della cerimonia, Liotta ha anche espresso parole di approvazione sulla consegna simbolica della città ai familiari delle vittime della mafia effettuata da parte del sindaco di Corleone, Lea Savona. “Il gesto effettuato ieri dal sindaco dà grande valore a questa manifestazione e spero che questo serva a valorizzare questa borgata perchè effettivamente merita una grande valorizzazzione da parte del territorio”, ha concluso il cognato di Ninni Cassarà.