Live Sicilia

LA VERTENZA

Aligrup ancora in alto mare
Salta l'incontro con Conad


Articolo letto 4.515 volte

Annunciata per il 18 gennaio la serrata del punto vendita Leoni di Palermo. L'Aligrup, ha inoltre comunicato, attraverso un comunicato diretto a tutti i dipendenti, il percorso che vedrà dal 22 gennaio la chiusura di 16 punti vendita del gruppo.

VOTA
0/5
0 voti

aligrup, chiusura, liquidazione, punti vendita, Economia
PALERMO - Non c'è pace per Aligrup, il gruppo della grande distribuzione in liquidazione che gestisce il marchio Despar in Sicilia. L'incontro di oggi con Conad, interessato a una dozzina di negozi, è stato rimandato a data da destinarsi. E comunque, fanno sapere i sindacati, la proposta non è convincente. Pare, infatti, che Conad abbia costituito una società ad hoc con cui gestire i punti vendita solo fino a quando non riuscirà ad affidarli a gestori terzi. I negozi in questione hanno, tra l'altro, meno di 15 dipendenti col risultato che, facendo capo a privati e non più ad un unico gruppo (Aligrup conta oltre 1.600 dipendenti), viene di fatto modificata anche la situazione sindacale dei lavoratori. "Per adesso - spiega Pietro La Torre, segretario generale Uiltucs - sembrerebbe che l'interesse del gruppo Conad sia riferito solo a Catania, ma non sappiamo se esiste un interessamento per Palermo".

Ma non c'è pace neanche per chi pensava di poter tirare un sospiro di sollievo. La Gamac srl, che opera a Palermo con l’insegna Conad e che ha rilevato i punti vendita di via Argento e via Brunelleschi, dice La Torre "non ha ancora pagato gli stipendi ai dipendenti e non ha neanche liquidato, così come stabilito nell'accordo di cessione, le rate di integrazione di 350 euro per i lavoratori full time e 200 per quelli part time". "E - aggiunge La Torre - non vorremmo dover riaprire la partita in tribunale".

Intanto il commissario liquidatore di Aligrup, Agatino Rizzo, ha comunicato la chiusura di vari diversi punti vendita in tutta l'Isola. “L’azienda - spiega nel comunicato il liquidatore - comunica coerentemente alle previsioni del programma concordatario e come preannunciato alle organizzazioni sindacali, si procederà alla chiusura dei punti vendita indicati”. Sedici in totale.

Ecco il dettaglio: Despar di via Lombardia ad Acireale, Eurospar via Ravanusa a Tremestieri Etneo, Interspar via Villagrazia a Palermo (centro Guadagna). Quindi, a partire dal 22 gennaio, Despar di via Lessona a Catania, Despar di via Belfiore a Valverde, Despar di via Verona a Catania, Despar di via Colonna a San Gregorio di Catania, Despar di via Moro a Pachino, Eurospar di via Carducci ad Acireale, mentre dal 27 gennaio, Despar di via Garibaldi a Viagrande, Despar di via O. Sicula a Mascali, Eurospar di via Musco a Randazzo, Intrerspar “Le Drupe” di via Pergolesi a Bronte, Iperspar “Le Ginestre” di via Marconi a Tremestieri Etneo, Iperspar “Le Zagare” di via Bottazzi a San Giovanni La Punta.

Ha intanto abbassato le saracinesche il punto vendita dei Leoni in via Pietratagliata, a Palermo. A comunicarne modi e tempi è stato Arturo Platania, legale rappresentante della K&K, cui fanno capo i negozi di via Toti, Brunelleschi, Olimpo e per l'appunto Leoni. "Il sottoscritto Platania Arturo Mario - si legge nella missiva - comunica che si procederà alla chiusura del punto vendita sito in Palermo, via Pietratagliata 19/29 in data 18 gennaio 2013, che pertanto sarà l'ultimo giorno di apertura al pubblico. In data 19 gennaio sarà effettuato l'inventario delle merci". I lavoratori, a questo punto, dovranno fare i conti con la cassa integrazione.