Live Sicilia

A 24 mattino

L'ex governatore insiste:
"Costretto a candidarmi"


Articolo letto 3.365 volte
24 mattina, candidatura, raffaele lombardo, Politica
Il logo di Radio 24

Lui non avrebbe voluto, ma è stato costretto dalle circostanze. Così l'ex governatore Raffaele Lombardo ri-spiega ai microfoni di Radio 24 i motivi che l'hanno spinto a scendere in campo ancora una volta. E dice: "Assurdo il paragone con Dell'Utri".

VOTA
1.4/5
7 voti

PALERMO- "E' vero, ho gustato il piacere della pensione per qualche mese. Ero entrato in quell'ottica. Poi dopo avere lavorato con la sinistra negli ultimi anni, mi sono reso conto che la sinistra voleva annullarci, distruggerci. Per questo siamo stati portati a un'alleanza che Berlusconi è tornato a offrirci. Insomma: il mio mondo che deve recuperare spazio e la posta in palio mi hanno costretto a scendere in campo". Lo ha detto l'ex governatore siciliano Raffaele Lombardo, a "24 Mattino" su Radio 24, spiegando la scelta di essere capolista al Senato per il Movimento per le Autonomie - Partito dei Siciliani.

"Sono costretto dal fatto che in condizioni normali non l'avrei mai fatto - ha aggiunto - Devo farlo per garantire la sopravvivenza di un movimento nato nel 2005 per il quale ho dato lacrime e sangue. Io gattopardesco? Non c'entra nulla, a tutto avrei pensato tranne che a dovermi candidare. Anche mio figlio ora è in Regione: ecco l'ennesima prova che a tutto avrei pensato tranne che a scendere in campo". Lombardo ha respinto anche le accuse di essere 'impresentabile' per il processo con l'accusa di associazione esterna alla mafia: "Mi sono posto il problema - ha detto -. Ma la legge me lo consente. Poi arrivo a un processo per il quale ho chiesto il rito abbreviato e per il quale la pubblica accusa per tre volte aveva chiesto l'assoluzione".

L'ex governatore non esclude, se eletto, di dimettersi da Palazzo Madama: "se la vicenda giudiziaria dovesse concludersi male, potrei lasciare il seggio". Lombardo contesta confronti con Marcello Dell'Utri: "Lui è approdato in Cassazione e all'appello è stata richiesta una pesante condanna: sono situazioni assolutamente da non paragonare".