Live Sicilia

PRIMA CIRCOSCRIZIONE

Cordoli, corsi e tunnel
La mobilità nel centro storico


Articolo letto 1.252 volte

Incontro alla Prima circoscrizione con Mobilitapalermo.org e l'università di Palermo per discutere di mobilità nel centro storico: sul tavolo bike sharing, cordoli, corsie preferenziali e un progetto per il waterfront.

VOTA
5/5
3 voti

marceca, mobilitapalermo, prima circoscrizione
PALERMO - Cordoli in corso Tukory, corsia preferenziale in via Papireto, bici in corso Vittorio Emanuele, bike sharing nelle piazze storiche, ma soprattutto waterfront e interramento del traffico.

Queste alcune delle proposte discusse durante l'incontro tra il consiglio della Prima circoscrizione e alcuni autori del blog Mobilitapalermo.org, oltre ad alcuni rappresentanti dell'università di Palermo. Un incontro indetto proprio per analizzare le problematiche della viabilità nel centro storico, a cui ha partecipato anche il presidente della commissione Urbanistica Alberto Mangano.

Prima è stata la volta dei rappresentanti di Mobilitapalermo, che hanno proposto l'istituzione della pista ciclabile nella corsia prefenziale di corso Vittorio Emanuele, il ripristino della corsia in corso Tukory, punti bike e scooter sharing in alcune piazze storiche come Bologni, Bellini, Rivoluzione, San Domenico e in prossimità del passante ferroviario; e ancora il ripristino dei pali dissuasori sui marciapiedi di corso Vittorio Emanuele e parcheggio a spina di pesce al Foro Italico.

Da parte dell'università, invece, rappresentata dall'architetto Cannarozzo e dal professor Magno, la riproposizione di un progetto per la realizzazione di un tunnel sotterraneo che prolunghi il sottopasso di via Crispi fino al Foro Italico, destinando al verde la superficie stradale.

Proposte che sono state dibattute in consiglio, nonostante la scarna presenza dei consiglieri. "E' stato un incontro proficuo - ha commentato il consigliere del Pd Marco Marceca - con realtà importanti della città che ci hanno presentato alcune proposte che vaglieremo e sulle quali lavoreremo ".