Live Sicilia

LA VERTENZA

Acque Potabili Siciliane
206 lavoratori da oggi in mobilità


Articolo letto 2.696 volte
acque, aps, crisi, licenziamenti, mobilità, palermo, potabili, sicilia, siciliane, Economia

La società, attualmente in liquidazione, dal giugno 2007 gestisce il Servizio Idrico Integrato (acquedotto, fognatura e depurazione) in 52 Comuni della Provincia di Palermo per un totale di circa 500 mila abitanti.


PALERMO - Sono scattate oggi le procedure di mobilità per i 206 dipendenti dell’Aps (Acque Potabili Siciliane), la società che dal giugno 2007 gestisce il Servizio Idrico Integrato (acquedotto, fognatura e depurazione) in 52 Comuni della Provincia di Palermo per un totale di circa 500 mila abitanti.

L'Aps è attualmente in liquidazione. Il Ministero dello Sviluppo Economico ha concesso una proroga all’esercizio dell’attività fino al 31 marzo. Se entro quella data, però, l’Autorità d’Ambito non individuerà un nuovo gestore cui trasferire il servizio e con esso il personale, la società rischia di chiudere i battenti. “Chiediamo al Governo regionale – scrivono in una nota Maurizio Terrani della Uilcem, Francesco Lannino della Filctem-Cgil e Giuseppe Capizzi della Femca-Cisl – un incontro urgente per trovare una soluzione risolutiva al fine di tutelare il futuro dei dipendenti e il servizio idrico. È stato già comunicato che il prossimo 4 febbraio è previsto un tavolo di confronto in Prefettura con tutti i rappresentati delle Istituzioni. Se non dovesse cambiare nulla saremo costretti a intraprendere tutte le azioni di protesta possibili”.