Live Sicilia

SCONTRO BERSANI-MONTI

"Né Silvio né Monti
salveranno il Paese"


Articolo letto 815 volte
bersani, elepolitiche, elezioni, monti, pd, scontro

Forte reazione del segretario del Pd, Pierluigi Bersani, che risponde alle critiche mosse dal premier Mario Monti al suo partito e al suo schieramento. Per Bersani non sono accettabili lezioni di riformismo da parte di Monti e propone l'allargamento del tavolo di concertazione anche alle imprese del terzo settore e le associazioni di volontariato.

VOTA
1/5
1 voto

ROMA - Pierluigi Bersani replica alle accuse che gli sono state rivolte dal premier Monti: "E' arrivato il momento di guardare in faccia la gente. Non accetto di vedermi fare le pulci da chi non pronuncia nemmeno la parola 'esodati', non pronuncia la parola del fenomeno che ha creato".

"Pretendo che prima pronuncino tutti la parola esodati", sono forti le parole del leader del Pd, che giudica improponibile ricevere esami di riformismo da Monti- Il professore infatti, è stato molto duro sia con il Pd che con il Pdl.  Il segretario del Partito democratico incalza ancora nelle sue dichiarazioni i suoi sfidanti: "E allora né il miliardario né il tecnico potranno risolvere la gravissima questione sociale che il Paese sta affrontando".

Intanto Bersani inizia a delineare quella che sarebbe la sua agenda se dovesse vincere le elezioni."Se toccherà a me andare a Palazzo Chigi, nella famosa Sala Verde della concertazione - spiega il segretario del Pd - non entreranno solo sindacati e Confindustria, ma anche il mondo del volontariato, del terzo settore e del privato sociale per dire al Paese quali sono i bisogni reali della gente".