Live Sicilia

IL CASO

Rifiuti, stangata per i negozianti
Polemica tra Barbera e Helg


Articolo letto 2.550 volte
Barbera, comune, confcommercio, helg, immondizia, multe, palermo, rifiuti, Palermo

Intervistato da Livesicilia, l'assessore alla Vivibilità Giuseppe Barbera annuncia novità in tema di gestione dei rifiuti urbani: “Attueremo un inasprimento delle sanzioni, monitorando soprattutto le attività commerciali”. Immediata la replica del presidente di Confcommercio Roberto Helg: “Prima di adottare determinati provvedimenti, l'assessore Barbera avrebbe potuto consultarci".


PALERMO – “E' in arrivo una stangata per chi getta carte a terra o immondizia fuori dagli orari prestabiliti”. Lo annuncia l'assessore alla Vivibilità di Palermo, Giuseppe Barbera, che ha apportato dei cambiamenti al regolamento comunale sulla gestione dei rifiuti urbani.

“Le modifiche interessano due provvedimenti: la prima riguarderà l'istituzione della figura dell'ispettore ambientale – afferma l'assessore a Livesicilia – ovvero trovare persone che possano vigilare e fare multe a chi non rispetta gli orari per gettare la spazzatura o non la deposita all'interno dei contenitori oppure non rispetta gli orari della raccolta porta a porta. Ci sarà anche una multa per coloro i quali non raccolgono gli escrementi dei cani in strada. La seconda misura riguarderà, invece, l'inasprimento delle sanzioni, che arriveranno fino a 250 euro, per i gestori di attività commerciali che lasciano la spazzatura fuori dai cassonetti o al di là degli orari stabiliti. Inoltre, se le attività commerciali occupano spazi all'aperto in concessione, avranno l'obbligo della pulizia la sera a chiusura dell'attività. Nel caso di recidiva – continua Barbera – potrà scattare una sospensione della licenza fino a cinque giorni”.

Dunque, a breve, ci sarà personale in giro per la città a controllare che nessuno infranga le regole. “Il personale verrà reclutato da Amia e Palermo Ambiente e verrà seguita una turnazione degli operatori affinché tutta la città sia sotto controllo – dichiara Barbera – Tutto è pronto, i soldi ci sono e aspettiamo solo il via. Teniamo molto a questo progetto, dobbiamo fare il massimo per garantire i servizi alla nostra città”.

E subito scoppia la polemica. Roberto Helg, presidente di Confcommercio, non ci sta. “L'assessore Barbera, evidentemente, non ha l'abitudine di discutere con le associazioni. Prima avrebbe potuto chiamarci, stabilire insieme le strategie da adottare e poi parlare di penali, piuttosto che parlare di multe per poi intavolare una discussione”.

Propone una soluzione diversa rispetto alla proposta elaborata da Barbera, invece, Angelo Figuccia, capogruppo dell'Mpa a Sala delle Lapidi, che in una lettera al prefetto di Palermo scrive: “Il Comune potrebbe richiedere l'ausilio dell'esercito per incrementare il servizio della raccolta differenziata. Anche la sola presenza dei militari, potrebbe incrementare nei palermitani la convinzione che fare la raccolta differenziata sia un dovere civico per l'intera collettività”.

“L'appello di Figuccia è lodevole – ribatte Fausto Torta, capogruppo dell'Idv al Comune –, abbiamo già lavorato con i vigili del fuoco che hanno rimosso rifiuti per riportare alcuni spazi alla normalità. Il problema sta a monte. Abbiamo pronto un regolamento che dovrà essere approvato in giunta. Ma una raccolta differenziata non può essere fatta se manca un accordo con un'azienda che la esegue. Questo è un sistema che deve funzionare come un orologio. Noi comunque collaboreremo con Barbera per l'attuazione del programma”.