Live Sicilia

Palermo, la richiesta del pm

"Oltre 40 anni di carcere
per la banda del rame"


Articolo letto 8.571 volte
banda rame, cintura, palermo, Palermo

In soli sei mesi avrebbero rubato e ricettato 12mila chili di rame prelevato in giro per la Sicilia. La banda, a stretta conduzione familiare, è stata arrestata nell'ottobre 2010. Oggi le condanne richieste dal pm Fabiola Furnari.

VOTA
5/5
1 voto

PALERMO – Avrebbero rubato, ripulito e riciclato qualcosa come 12mila chili di rame in giro per tutta la Sicilia in soli sei mesi, ricavando centinaia di migliaia di euro dalla vendita del cosiddetto “oro rosso”. A conclusione del processo col rito ordinario, il pm titolare dell'indagine, Fabiola Furnari, ha chiesto complessivamente pene per oltre 40 anni nei confronti della banda del rame che, in realtà, era a stretta conduzione familiare.

Nel dettaglio il pm ha chiesto la condanna a 2 anni e 3 mesi per: Calogero Amico, Salvatore ed Emanuele Cangelosi, Paolo e Salvatore Andrea Cintura, Angelo Filippone, Natale Lucchese Maurizio Vella. Quattro anni e 3 mesi per Andrea Cintura; 2 anni e sei mesi per Giuseppe Cintura (classe '87), Pietro Filippone e Giuseppe Taormina; tre anni e tre mesi per altri due Giuseppe Cintura (classe '78 e '85); tre anni per Paolo Cintura (classe '65) e, infine, un anno e sei mesi per Giovanni Filippone. Tutti rispondono, a vario titolo, di furto, associazione a delinquere, ricettazione e riciclaggio.

La maggior parte degli imputati sono stati arrestati dal nucleo di polizia tributaria delle fiamme gialle di Palermo nell'ottobre 2010. La banda avrebbe avuto una struttura piramidale e ogni componente avrebbe avuto il suo ruolo specifico. Al vertice ci sarebbe stato Andrea Cintura che si sarebbe occupato della vendita del rame, affiancato dal fratello minore Paolo. I nipoti, i due Giuseppe Cintura, avrebbero recuperato il rame rubato mentre altri componenti della stessa famiglia si sarebbero occupati di ripulire dalle guaine i fili di rame.

Il materiale veniva depositato in una villa utilizzata come deposito prima di essere consegnato a imprenditori titolari di aziende che si occupano proprio di attività di recupero di materiali ferrosi: Francesco Barra (condannato a un anno e due mesi in abbreviato), Emanuele Cangialosi, Vincenzo Marino (condannato a due anni), Pietro Filippone e Maurizio Vella.