Live Sicilia

OGGI L'ELEZIONE

Confindustria, Cappello
è il nuovo presidente delle pmi


Articolo letto 3.086 volte
cappello, confindustria, giorgio, industria, palermo, piccola, sicilia, Economia

Dalla green economy alla lotta alla corruzione: in dieci punti le proposte delle pmi per uscire dalla crisi. "Non ci sottrarremo al confronto - ha detto Giorgio Cappello, dopo l'elezione - e proponiamo la nostra ricetta per fare uscire le imprese dal tunnel e rilanciare l’occupazione"

VOTA
4.7/5
3 voti

PALERMO - "Siamo in piena emergenza: migliaia di piccole e medie imprese sono ormai alla canna del gas e l’emorragia occupazionale sta raggiungendo livelli di allarme sociale. Un nuovo modello di sviluppo industriale della Sicilia è possibile. Noi non ci sottrarremo al confronto e proponiamo la nostra ricetta per fare uscire le imprese dal tunnel e rilanciare l’occupazione". E' uno dei passaggi del discorso programmatico di Giorgio Cappello eletto oggi a Palermo presidente della Piccola industria di Confindustria Sicilia.

Cappello, ragusano, 43 anni, al vertice del Gruppo industriale “Cappello Alluminio”, è stato presidente dei giovani industriali siciliani e componente della giunta nazionale di Confindustria ed è un attento conoscitore del sistema delle piccole e medie imprese siciliane. “Sappiamo bene – spiega Cappello – che la crescita e lo sviluppo della Sicilia non possono prescindere dalle capacità progettuali dei diversi attori della comunità e noi vogliamo svolgere fino in fondo il nostro ruolo di promotori di nuove idee e di progetti di nuova generazione. Consideriamo la green economy e la valorizzazione delle eccellenze siciliane e dei marchi storici dell’Isola - continua Cappello - temi di grande respiro per un nuovo modello di sviluppo industriale siciliano che insieme alla promozione dell’ambiente, del turismo e la riqualificazione delle forze occupazionali in linea con il nuovo modello di sviluppo aiuteranno la Sicilia a crescere e competere nei mercati internazionali".

Dieci i punti chiave del programma di Cappello: dalla legalità e sicurezza per lo sviluppo agli interventi per la green economy, dall' internazionalizzazione alle misure sul fronte del credito, alle infrastrutture ma soprattutto la semplificazione amministrativa dei procedimenti autorizzativi e la lotta alla corruzione ed agli sprechi della politica e della pubblica amministrazione, per attrarre investimenti produttivi e rilanciare lo sviluppo economico e sociale dell’isola.

"Penso – conclude Cappello – che l'integrazione tra pubblico e privato assumerà nei prossimi anni un ruolo sempre maggiore nello sviluppo della nostra Regione. Infatti il settore pubblico non riesce più a svolgere il proprio ruolo trainante negli investimenti di pubblica utilità come in passato, a causa dei continui vincoli finanziari (patto di stabilità) cui è sottoposto. Inoltre, la carenza di risorse finanziarie, ha determinato negli enti locali la necessità di ridurre le spese correnti nella gestione della cosa pubblica. Di contro, il settore privato è alla ricerca di nuove opportunità di business e pertanto guarda con sempre maggiore attenzione alle potenziali sinergie con il settore pubblico anche sul fronte occupazionale".

“Mi complimento per l’elezione di Giorgio Cappello - ha detto il presidente di Confindustria sicilia, Antonello Montante -. E’ un riconoscimento della sua capacità imprenditoriale che ha saputo esprimere in questi anni sia all’interno della sua azienda che del sistema confindustriale. Conoscendo la sua tenacia e la sua voglia di fare, sono certo che riuscirà a fare un buon lavoro di squadra, così come ha dimostrato quando era alla guida dei Giovani industriali siciliani”.