Live Sicilia

Palazzo dei Normanni, Ardizzone si scusa

Conferenza sull'handicap
Un disabile resta bloccato


Articolo letto 2.260 volte

Disegno di legge per l'assistenza alle persone diversamente abili. Conferenza stampa di presentazione. Ma il presidente dell'associazione dei disabili resta bloccato. Colpa delle barriere architettoniche. Le scuse di Ardizzone.

VOTA
3/5
2 voti

ars, barriere architettoniche, bloccato, disabili, sicilia, Hot Articles
Il presidente Ardizzone
PALERMO- La conferenza stampa era stata convocata per presentare un disegno di legge sull'assistenza ai disabili, ma è stata spostata fra l'imbarazzo degli organizzatori: il presidente di un'associazione, portatore di handicap, non ha infatti potuto raggiungere la sala stampa a causa delle barriere architettoniche. E' accaduto stamane a Palazzo dei Normanni, sede del parlamento regionale siciliano. "La disattenzione delle istituzioni alla gran parte dei nostri problemi è evidente - ha detto Carmelo Comisi, presidente dell'associazione Movis, protagonista della vicenda - magari non è una disattenzione voluta, ma è chiaro che questi temi dovrebbero essere affrontati con forza. Probabilmente la presenza di rappresentanti delle nostre associazioni nelle istituzioni e nelle amministrazioni locali, sarebbe di grande aiuto".

Comisi è stato costretto ad incontrare i giornalisti nella biblioteca dell'Ars, che si trova al piano basso del Palazzo dei Normanni: la sua particolare carrozzina, infatti, non riusciva ad entrare negli ascensori che portano al piano parlamentare, dove si trova la sala stampa. "Siamo mortificati", hanno detto gli organizzatori della conferenza stampa, che era stata convocata per presentare il ddl regionale per l'istituzione della figura dell' "assistente personale del portatore di handicap" (primo firmatario Nino Oddo, Lista Crocetta). Alla conferenza stampa hanno partecipato anche l'assessore alla Salute Lucia Borsellino e il presidente della commissione sanità dell'Ars Pippo Digiacomo. Al termine dell'incontro con i giornalisti, in bliblioteca è arrivato Giovanni Ardizzone, presidente dell'Ars, che nel frattempo era stato informato dell'accaduto. "C'é un problema oggettivo da risolvere - ha detto Ardizzone - una cosa del genere non può e non deve accadere".

(Fonte ANSA)