Live Sicilia

Da Trapani

"Tutto all'improvviso"
Polemica sui trasporti


Articolo letto 6.867 volte
palermo mazara, pullman, santa ninfa, studenti feriti, tir, Trapani, Cronaca
La zona dell'incidente

Le prime testimonianze degli studenti coinvolti nel tremendo schianto sulla Palermo-Mazara, presso Santa Ninfa.

VOTA
2/5
5 voti

TRAPANI- Isoradio Rai continua a fornire informazioni sul tratto di autostrada Palermo-Mazara del Vallo chiuso per l'incidente stradale che ha coinvolto un pullman con 32 studenti del Liceo Scientifico “Michele Cipolla” di Castelvetrano. L'impatto, nella galleria di Santa Ninfa, ha innescato una mattina di terrore. La galleria in questione è breve, in pendenza e con una leggera curva. Dieci ragazzi sono rimasti feriti e, dopo il primo intervento, trasportati all'ospedale “Vittorio Emanuele II” di Castelvetrano, alcuni sono stati già dimessi. Qualche testimonianza raccolta dai cronisti: "E' accaduto tutto all'improvviso, non ci siamo accorti quasi di nulla".

Al loro fianco i familiari che sono riusciti a raggiungerli. Per trasportare i feriti in ospedale sono state utilizzate cinque autoambulanze arrivate subito sul posto. E' invece stata trasportata con l'elisoccorso (LEGGI) all'ospedale Civico di Palermo la studentessa di 16 anni che ha subito un trauma cranico. Sul posto a coordinare i rilevamenti per comprendere la dinamica dell'incidente c'è il dirigente della polizia stradale di Trapani Nicolò D'Angelo. La direzione del liceo “Cipolla” si sta tenendo in costante contatto con i genitori degli studenti che sono finiti in ospedale.

Aggiornamento 14.22
Rilievi in corso sulla dinamica dell'incidente. Il dirigente della Poliza Stradale Nicola D'Angelo non fornisce ancora informazioni: "Non mi posso pronunciare". Sale il numero di studenti ricoverati all'ospedale “Vittorio Emanuale II” di Castelvetrano. Sarebbero infatti una ventina sui 32 che erano a bordo del pullman che si è scontrato con l'autoarticolato che proveniva da Partinico. Lievi feriti per la maggior parte degli studenti. Soltanto per due la prognosi è di 30 e 40 giorni per fratture. La galleria dove è avvenuto l'impatto è la prima in direzione Castelvetrano da Salemi. L'impatto violento non sarebbe tuttavia dovuto all'alta velocità. Ci sarebbero dei testimoni che avrebbero parlato di una velocità di 60-80 km all'ora.

15.14. L'incidente sulla Palermo – Mazara nella prima galleria di Santa Ninfa, direzione Castelvetrano, ha riaperto le polemiche sul trasporto locale. La Valle del Belice è stata pesantemente penalizzata dai tagli di Trenitalia. In consiglio provinciale - impegnato a decidere le sorti della società partecipata Megaservice – si è alzata la voce del capogruppo del Pd Salvatore Daidone: "Sono ragazzi che avrebbero potuto prendere il treno, che prima serviva tutta l'area con tratte degne di questo nome. Ma la logica dei rami secchi e della riduzione delle spese senza guardare al territorio finisce per penalizzare i cittadini, in questo caso gli studenti di Salemi. La stessa autostrada non è poi un esempio di efficienza per il traffico. Qui è ormai in gioco il diritto allo studio. I ragazzi non hanno le scuole nei loro territori di riferimento e devono fare i pendolari rischiando ogni giorno la vita sulla strada". Appena qualche giorno fa la Filt Cgil Trapani e Sicilia aveva posto il problema del trasporto ferroviario: "A fronte di un'eccessiva riduzione dei finanziamenti non si riesce a comprendere le motivazioni che inducono a ridurre un servizio ecologico ed economico per la collettività, come quello del trasporto ferroviario che invece dovrebbe essere preservato e rilanciato".

(SEGUONO AGGIORNAMENTI)