Live Sicilia

Il comizio di Beppe Grillo a Siracusa

"Siete passati da Archimede
alla Prestigiacomo"


Articolo letto 4.768 volte

Folla a Ortigia (nella foto presa da Twitter) per il comizio del leader del Movimento 5 Stelle. "Altro che redditometro, vogliamo il politometro"

VOTA
4.8/5
9 voti

grillo, siracusa, Siracusa, Politica
Beppe Grillo
SIRACUSA- "Loro mettono prima il redditometro, adesso il riccometro. Noi, invece, vogliamo solo il 'politometro': un'indagine fiscale che incroci due o tre dati, a cominciare dal patrimonio nel momento in cui sono entrati in politica e quello con cui hanno concluso la loro esperienza. E poi vediamo se questo percorso risulterà congruo, un termine tanto caro all’Agenzia delle Entrate". E' una delle provocazioni lanciate da Beppe Grillo, leader del Movimento 5 stelle, dal palco di Largo XXV Luglio, alle porte di Ortigia, a Siracusa, davanti ad oltre quattromila persone che hanno sottolineato con frequenti applausi alcuni dei passaggi del suo intervento andato avanti per poco meno di un'ora toccando diversi temi della politica nazionale e locale".

'Qui avete la raccolta differenziata piu' bassa in Italia, pari al 3% e la disoccupazione giovanile tra piu' alte in Italia. Non capisco, siete passati culturalmente da Archimede alla Prestigiacomo: ma come avete fatto a ridurvi in questo modo?', ha affermato Grillo nel suo comizio. Grillo inizialmente aveva confuso Archimede con Pitagora: 'Cosa volete - ha spiegato - pensavo ai fumetti di Topolino, ad Archimede Pitagorico... La mia cultura si sta dissipando, ma e' anche l'eta', ho 65 anni...'.

Grillo ha rilanciato da Siracusa il no alla realizzazione del sistema di trasmissioni radar Muos che gli Stati Uniti stanno costruendo a Niscemi, in provincia di Caltanissetta. "C'é una Regione che dice no, una provincia che dice di no, un sindaco che dice di no - afferma il leader del Movimento 5 stelle - ed il governo nazionale dice di sì per fare piacere agli americani. Abbiamo 98 basi di americani in Italia tra uffici di logistica e piattaforme. Abbiamo 90 testate nucleari... Ma in cosa dobbiamo trasformarci, in una portaerei americana? Noi gli americani li amiamo con tutto il cuore - ha osservato Grillo - ma se vengono ad aprire dei campus universitari e non delle piattaforme di guerra dove decollano i loro droni".