L'indagato è stato identificato grazie alle immagini di videosorveglianza e alle testimonianze delle vittime, che hanno riferito di un cicatrice sul labbro e della violenza mostrata nel mettere a segno i colpi.