Lo scenario disegnato dall'operazione della Dia e della Mobile di Palermo, che ha sgominato il mercato parallelo delle case popolari gestito dalla mafia. Il questore, Nicola Zito: "Allo Zen c'era il pizzo condominiale". Il procuratore Messineo: "La mafia esercita un controllo territoriale stringente".