I dipendenti della ex partecipata hanno occupato gli uffici di via Maggiore Toselli iniziando lo sciopero della fame. "Non intendiamo uscire da qui se prima non si troverà una soluzione al nostro dramma. Siamo disperati", dicono.