Il distributore e il bar erano stati intestati ad un prestanome mentre in realtà era nelle disponibilità di un condannato per mafia vicino all'ex boss Spatuzza. La guardia di finanza è intervenuta a Cinisi con un blitz. Ed è scattato il sequestro.