Live Sicilia

LE REAZIONI

"Zichichi? Un segno evidente
del fallimento di Crocetta"


Caputo (Fratelli d'Italia): "Da tempo dico che servono assessori più presenti". Scoma e Falcone (Pdl): "Come mai il governatore si rende conto solo adesso dell'inadeguatezza dello scienziato per quel ruolo?". Figuccia (Pds): "Erano note le sue posizioni su Nucleare e Muos". Da Musumeci, l'ironico ringraziamento al presidente della Regione.


caputo, scoma, zichichi
PALERMO - Le dichiarazioni del governatore, che in un'intervista a Live Sicilia ha ammesso il proposito di rivedere la posizione del suo assessore ai Beni culturali Antonino Zichichi (“Forse per lui è più adatto un ruolo tecnico, di supporto”) ha scatenato le reazioni dell'opposizione.

“A pochi mesi dalle elezioni – ha dichiarato il deputato di Fratelli d'Italia Salvino Caputo - il Presidente Crocetta ammette il fallimento della sua Giunta che con gli Assessore Zichichi e Battiato si è contraddistinta per improduttività. Senza nulla togliere – ha aggiunto - ai meriti professioni del professor Zichichi di chiara fama internazionale e al cantautore siciliano Battiato anche lui noto e apprezzato in tutto il modo, ritengo che non possono guidare due degli assessorati più importanti per la Sicilia. Di questo se ne è accorto lo stesso Crocetta che adesso parla della necessità di Assessori più presenti. Sin dall’inizio della formazione di questo Governo – continua Caputo – avevamo sostenuto che gli impegni professionali non si potevano conciliare con la necessità di una presenza costante per la guida degli assessorati. Ancora una volta - conclude Caputo - l’ennesima dimostrazione della politica di Crocetta fatta solo di annunci e nomenclature altisonanti ma non adeguata alle esigenze della Sicilia ne dell’amministrazione regionale che richiede una presenza costante degli assessori e soluzioni a diversi problemi reali e concreti ”.

Dello stesso tenore la dichiarazione congiunta del capogruppo del Pdl Francesco Scoma e del vicecapogruppo Marco Falcone: “Se Crocetta sta rimodulando un ruolo per lo scienziato di Erice, consulente piuttosto che assessore, - hanno detto i due deputati - era operazione che avrebbe sicuramente potuto condurre prima, al momento della costituzione della Giunta, nella quale ha per altro inserito il professor Zichichi con una delega non necessariamente affine alle sue conoscenze, Archimede a parte... - aggiungono Scoma e Falcone - E questi continui ripensamenti, comunque, non giovano all'amministrazione dell'Isola”.

Caustico anche il deputato del Partito dei Siciliani, Vincenzo Figuccia: “Il presidente Crocetta, piuttosto che dilettarsi in lunghe interviste all'interno di esoteriche piramidi che richiamano alla mente grandi e soprattutto piccoli maestri, - ha detto - piuttosto che vagabondare tra salotti tv e conferenze stampa e partorire sempre nuove sortite a metà tra l'ilarità ed il tragicomico, piuttosto che inveire contro gli uccelli di palazzo, lui, che forse teme i corvi, si dedichi ai problemi della Sicilia, emergenze occupazionali in testa, e anche ai guai di giunta. Apprendiamo infatti – ha aggiunto il deputato - che il prestigiatore Crocetta si è d'improvviso ricreduto sulla nomina dell'assessore Zichichi. Forse il canuto scienziato non si è teletrasportato e teleprostrato a dovere, spesso e con rapidità da Ginevra a Palazzo d'Orleans? Forse Crocetta non ne conosceva da prima il pensiero circa il nucleare, o circa il Muos, tanto da aver creato qualche imbarazzo, e anche qualche rischio, tra la maggioranza e l'utile stampella degli stessi grillini che del Muos hanno fatto una questione ideologica quasi sessantottina? Crocetta – ha proseguito Figuccia - getti la maschera, che' tanto i siciliani stanno iniziando a comprendere il gioco. Colmare col riso un pieno di vuoti e' arte tanto vecchia quando improduttiva: si sbrighi invece – ha concluso - a cessare questo stato di paralisi che sa tanto di bastone e carota".

Da Nello Musumeci, ecco un ironico ringraziamento a Crocetta: "Non è vero - ha detto - che Crocetta rimanga sordo alle proposte dell’opposizione: un mese fa gli avevo pubblicamente suggerito di sostituire almeno tre assessori per manifesta incapacità di governo e sembra proprio che il presidente della Regione abbia accolto quell’invito. Il primo a uscire sarà Zichichi - ha aggiunto Musumeci - e nessuno se ne accorgerà, seguiranno poi altri due, un uomo e una donna. Ringrazio davvero il Presidente per avere accettato il nostro consiglio. È un buon segnale di apertura”.