Live Sicilia

il leader di grande sud

Province, affondo di Miccichè
"Operazione da 'capoccioni'"


abolizione, blog, capoccioni, micciché, Province, Politica

Gianfranco Miccichè tuona contro la legge che manda in soffitta le Province. Il leader di Grande Sud va giù duro dal suo blog. “Se pago X per 9 mele, non posso pagare sempre X per 33 mele. A meno che non siano marce..."

VOTA
3.9/5
7 voti

PALERMO - Gianfranco Miccichè tuona contro la legge che manda in soffitta le Province. Il leader di Grande Sud va giù duro dal suo blog. “Se pago X per 9 mele, non posso pagare sempre X per 33 mele. A meno che non siano marce - si legge nell’incipit del suo intervento -. Eppure qualche capoccione seduto all’Ars pensa che possa funzionare così. Anche per quanto riguarda le Province”.

La legge approvata all'Ars apre la strada alla creazione dei Consorzi di Comuni e delle aree metropolitane. E Micicchè non ci sta: “Il ragionamento di questi ‘luminari’ è il seguente: aboliamo gli enti intermedi, risparmiamo 50 milioni di euro (Crocetta sventola invece un bigliettino con scritto ‘100 milioni’) e poi istituiamone 30 l’anno prossimo”. Il ragionamento dell’ex sottosegretario prosegue così: “Le attuali Province siciliane sono strutture presso le quali operano 6500 dipendenti. In attesa della legge che regolerà il funzionamento dei Consorzi dei Comuni – una trentina, in base ai criteri annunciati (Crocetta, imperterrito, dice 15) -, viene spontaneo chiedersi come si può parlare di risparmio economico quando le strutture verranno raddoppiate o triplicate. Anche se alcune competenze fossero trasferite ai Comuni o alla Regione, in ogni caso si tratterebbe di costi in più per questi ultimi. Il dramma della coperta troppo corta. Poco c’entra l’essere a favore o meno delle Province. Se un ente è fonte di sprechi, deve necessariamente essere razionalizzato nei costi e nelle competenze”.

Miccichè affonda e suggerisce la sua ricetta: “Il problema non è dunque matematico o economico – per fare della buona spending review si poteva infatti intervenire razionalmente tagliando i rami secchi: retribuzioni delle Giunte, enti carrozzone, società partecipate e consorzi legati all’istituzione provinciale. Qui il problema è strettamente mediatico: s’è spacciata per riforma epocale una legge raffazzonata. Tanto fumo negli occhi per i cittadini che chiedono a gran voce una politica migliore, sobria, trasparente e che in cambio hanno ottenuto una pupiàta e un Governatore che ha, evidentemente, qualche difficoltà nel fare i conti”.