Live Sicilia

Dopo i controlli della Polizia

Pesce in cattivo stato e abusivismo
Stangata alla Vucciria


abusivismo, locali abusivi, movida, palermo, pesce avariato, sequestro, vucciria, Cronaca

Su 18 attività sottoposte a controllo quattro commerciavano prodotti ittici mal conservati ed esposti a polvere e intemperie. Colpo anche alla movida, sanzionati locali che occupavano abusivamente suolo pubblico ed edifici in piazza Garraffello. Sequestro preventivo, invece, per due discoteche in via Candelai.


PALERMO - Nel corso degli ultimi giorni, nell’ambito dei controlli integrati del territorio svolti ciclicamente dalle Forze di Polizia, è stato massicciamente presidiato il quartiere della “Vucciria” e sono stati sottoposti a controlli amministrativi numerosi esercenti che, giornalmente, danno vita ad uno dei più importanti mercati alimentari cittadini a cielo aperto.

A fronte di 18 esercizi controllati da parte di personale del Commissariato  “Oreto-stazione” e della Capitaneria di Porto, sono state quattro le attività commerciali sanzionate: in via dell’Argenteria 25 chilogrammi di pesce sono stati sequestrati all’esercente che le esponeva alle intemperie ed alle polveri sottili dei veicoli; stesso provvedimento adottato nei confronti di un esercente che aveva esposto in cattivo stato di conservazione 30 chilogrammi di pescato sulle bancarelle di un esercizio in piazza Caracciolo; sempre in piazza Caracciolo è stata comminata la sanzione di 1166 euro, a due esercenti cui è stata contestata una infrazione circa la normativa che tutela la tracciabilità del pescato.

Polizia di Stato, Capitaneria di Porto, Carabinieri e Guardia di Finanza hanno, inoltre, proceduto a controlli amministrativi dei numerosi locali di intrattenimento che sorgono in piazza Garraffello e lungo le vie limitrofe. I locali controllati sono stati sanzionati per violazioni di vario genere tra le quali la condotta penalmente rilevante di invasione di terreni ed edifici e le violazioni amministrative di occupazione di suolo pubblico, mancato aggiornamento della DIA sanitaria, mancanza di autorizzazione unica alla somministrazione di alimenti e bevande, omessa installazione di registratore fiscale, omessa emissione di scontrino, nonché detenzione ittici privi di rintracciabilità.

In questa seconda tranche di controlli, sono stati verificati i requisiti di 11 attività e di 4 esercizi ambulanti. Nel complesso sono state inflitte sanzioni pari a 39mila euro. Infine, nel corso della settimana, personale del Commissariato “Oreto-stazione”, per ciò che concerne i controlli amministrativi questa volta eseguiti in altra zona cittadina, ha provveduto ad eseguire il sequestro preventivo di due discoteche in via Candelai, in quanto prive della necessaria licenza. Il sequestro è stato autorizzato dall’Autorità Giudiziaria, a seguito degli accessi ispettivi effettuati dalla Polizia di Stato lo scorso 8 marzo durante i quali era stata rilevata la menzionata assenza di licenza.