Live Sicilia

La Zanzara

Ciancimino contro Grasso:
"E' solo un paraculo"


Anche Massimo Ciancimino attacca il presidente Grasso: "Un paraculo che non ha mai toccato i poteri forti. Chi ha toccato i fili dell'alta tensione finisce per intercettare gli stambecchi ad Aosta…”


ciancimino, grasso, la zanzara, zanzara, Politica, Palermo
Massimo Ciancimino
PALERMO- "Chiamerò Piero Grasso a testimoniare nel processo sulla trattativa stato-mafia, deve rispondere di alcune decisioni prese quando era procuratore. Il personaggio è quello che è, ha beneficiato di tante situazioni, un paraculo che non ha mai toccato i poteri forti. Chi ha toccato i fili dell'alta tensione finisce per intercettare gli stambecchi ad Aosta…”. Così
Massimo Ciancimino, figlio dell'ex sindaco di Palermo Vito Ciancimino, accusato di concorso esterno in associazione mafiosa, a La Zanzara su Radio 24.

“Non capisco - dice Ciancimino a Radio 24 - come si possa fare lo scivolone di chiamare in diretta una trasmissione dopo le ultime telefonate in diretta, di Berlusconi e Masi. Ne esci comunque massacrato. L'istinto di prendere il telefono e chiamare Travaglio lede l'istituzione, la funzione”. Poi Ciancimino attacca ancora Grasso: “Grasso è responsabile di strabismo investigativo e di una copertura nel mio processo nei confronti del suo vice oggi capo della Dna, il procuratore Sciacchitano. Una società del gas cresciuta all'ombra della mafia, come recita la sentenza, va sequestrata nella sua interezza e non vanno preservate né amicizie né parentele. Se dico qualcosa di sbagliato sfido Grasso a querelarmi, ho denunciato tutto alla procura di Catania”.

“Grasso - aggiunge Ciancimino - ha emarginato procuratori come Scarpinato e Ingroia. Per dodici anni non ha mai fatto una domanda a mio padre sul tesoro, mi ha iscritto per riciclaggio nel registro solo una volta che è morto mio padre. Mentre reggeva la procura ha compiuto degli atti che grazie al processo sulla trattativa saranno discussi. Grasso sarà uno dei miei teste, insieme a Napolitano”. “Grasso - prosegue Ciancimino - è il Procuratore che quando fecero la perquisizione a casa mia all'Addaura nella cassaforte c'erano papello, soldi in contanti, pizzini e altro. Possiamo dire che non ne sapeva niente? Ma il capo ne risponde sempre. Forse si è circondato di collaboratori poco attenti, anche questo lo dovrà chiarire in tribunale. Ci sono state delle anomalie, non ha mai voluto investigare in una certa direzione, ha eluso certe indagini”. Ma chi ha votato alle elezioni? “Alla fine ho visto un mondo di stelle, ho votato Grillo alla Camera e al Senato. Ma con tutti i problemi che ho non me ne frega niente dell'alleanza con il Pd”.