Live Sicilia

traffico in tilt

Sit-in a Palazzo d'Orleans
Presenti cento disoccupati


Un gruppo composto da circa un centinaio di disoccupati, esclusi dall'accesso agli ammortizzatori sociali in deroga per il 2013, sta bloccando il traffico veicolare in piazza Indipendenza con un sit-in davanti la sede della Regione a Palazzo D'Orleans.

VOTA
5/5
1 voto

disoccupati, palermo, piazza indipendenza, proteste, regione, Palermo
PALERMO - Un centinaio di disoccupati, esclusi dall'accesso agli ammortizzatori sociali in deroga per il 2013, sta partecipando a un sit-in davanti a Palazzo D'Orleans, a Palermo. I manifestanti chiedono al governo regionale di modificare l'accordo di programma quadro, siglato con le parti sociali il 12 febbraio scorso.

La manifestazione regionale è stata organizzata da Fim, Fiom e Uilm. Secondo i dati del sindacato dei metalmeccanici della Cgil, sono circa mille coloro che in Sicilia non possono accedere alla cassa integrazione e alla mobilità in deroga. Nei giorni scorsi, i disoccupati hanno dato luogo a iniziative analoghe, protestando davanti all'assessorato regionale al Lavoro e per oggi i sindacati attendevano dal governo una convocazione per discutere delle modifiche all'intesa.

"Non siamo stati convocati - dice Francesco Piastra, della segreteria provinciale della Fiom - e abbiamo deciso di scendere in piazza a protestare. Se per Gesip si trovano le risorse, derogando all'accordo di programma quadro sugli ammortizzatori sociali, che nega ai dipendenti di società pubbliche la possibilità di accedere alla misura, chiediamo al governo di muoversi per tutelare anche i mille disoccupati, esclusi dal paracadute sociale. Oppure Crocetta considera queste persone lavoratori di serie B?".

I disoccupati hanno bloccato la strada in piazza Indipendenza. Il traffico nella zona è paralizzato. Anche una delegazione di operai del Cantiere navale di Palermo sta partecipando alla manifestazione regionale dei metalmeccanici. I sindacati chiedono un incontro con il governatore della Sicilia, Rosario Crocetta.