Live Sicilia

viabilità

Ztl e strisce blu
Cosa cambia con il Put


comune, palermo, piano urbano del traffico, put, strisce blu, ztl, Palermo
Ztl e strisce blu: cosa cambia col nuovo Piano Urbano del Traffico

Emergono novità importanti dal Piano Urbano del Traffico, presentato dal sindaco Orlando e dall'assessore Giuffrè a Villa Niscemi. Alcune di esse riguardano le zone a traffico limitato, le cosiddette Ztl, e le strisce blu.

VOTA
0/5
0 voti

PALERMO – Sono emerse novità importanti nel corso della conferenza stampa di presentazione del Put, il Piano Urbano del Traffico. Alcune di esse riguardano le zone a traffico limitato, le cosiddette Ztl, e le strisce blu. Per le prime previsto un piano di riorganizzazione diviso in due fasi, mentre per quanto concerne le seconde, la novità principale riguarda un’opera di riequilibrio a favore delle strisce bianche gratuite e l’introduzione della sosta a ore. Decisioni che potrebbero cambiare le sorti della viabilità cittadina e che fanno seguito alla presentazione, avvenuta lo scorso novembre, del progetto per la costruzione di quattro mega-parcheggi, di cui tre sotterranei, per oltre duemila nuovi posti auto, in via Imera, piazza Giulio Cesare, piazza Giovanni Paolo II e piazza Sturzo.

ZONE ZTL: COSA CAMBIA

Palazzo delle Aquile ha previsto una riorganizzazione suddivisa in due momenti: il primo prevede l’attuazione delle limitazioni soltanto nel centro storico, con la trasformazione della vecchia Zona A in due nuove sub-zone, ribattezzate rispettivamente 1 e 2. L’istituzione delle nuove aree, secondo quanto previsto dal Put, sarà supportata dal potenziamento del trasporto pubblico, come d'altronde ha sottolineato l’assessore alla Mobilità Tullio Giuffrè: “Nel piano queste previsioni di Ztl sono accompagnate da un potenziamento del trasporto pubblico. Qualsiasi provvedimento ha alle spalle la necessità di offrire alternative nelle aree in cui si restringe l'accesso”.

In un secondo momento, invece, il provvedimento sarà esteso fino all’asse Notarbartolo-Duca della Verdura, che diverrà un vero e proprio confine invalicabile per i veicoli meno eco-compatibili. Successivamente, il numero delle zone a traffico limitato potrebbe lievitare: il Comune, infatti, sta valutando la possibilità di estenderle al Parco della Favorita, alle borgate marinare di Mondello e Sferracavallo e ai principali mercati storici, in linea con le prospettive di riqualificazione territoriale e promozione del turismo.

STRISCE BLU: COSA CAMBIA

Con il supporto della polizia municipale, piazza Pretoria in prima battuta darà vita ad una sorta di censimento delle strade dove attualmente sono in vigore. L’intento dell’amministrazione comunale è innanzitutto quello di abolire le strisce blu illegali perché dipinte, ad esempio, in curva o su porzioni di manto stradale dove la legge non consente di apporle. Dopodiché si darà vita ad un’opera di riequilibrio in favore delle strisce bianche gratuite e dell’introduzione della sosta a ore.

Le strisce blu, pertanto, non scompariranno, tuttavia la tariffazione, considerata dai cittadini oltremodo onerosa, con ogni probabilità sarà oggetto di revisione al ribasso “mettendo in preventivo – spiega Giuffrè – che a questa decisione possa corrispondere, seppur parzialmente, un disincentivo all'uso del mezzo pubblico. L’attuale tariffazione, anche se iniqua, è un disincentivo all'uso del mezzo privato. Il nostro intento è quello di renderla meno iniqua".

Giuffrè, inoltre, ha provato a chiarire la questione relativa all’accordo tra il Comune e l’Apcoa, che gestisce parte delle strisce blu cittadine: "Il contratto è uno dei motivi per cui stiamo dialogando con l'Apcoa e, di conseguenza, con la società Panormus 2000. Occorre ricordare, infatti, che la convenzione non è con l'Apcoa bensì con la Panormus 2000, che aveva proposto il progetto di finanza per la realizzazione del parcheggio di piazza Vittorio Emanuele Orlando. E’ questa società ad aver pattuito una convenzione con l'Apcoa. Speriamo che il Put venga approvato entro fine aprile, in maniera tale da rinegoziare patti e condizioni nel più breve tempo possibile”.