Live Sicilia

Il presidente del senato a Palermo

Incontro Grasso-Crocetta
Cala il sipario sulle polemiche


Conferenza stampa congiunta alla presidenza della Regione dopo l'uscita dell'ormai ex assessore Battiato sulle "troie in Parlamento". In primo piano anche i temi nazionali: Grasso ha chiarito come sia impossibile andare avanti senza un governo. L'ex procuratore della Dna ha risposto anche a una domanda sulla polemica con Travaglio: "Su di lui non dirò più nulla".

VOTA
3.3/5
7 voti

battiato, crocetta, grasso, Politica
PALERMO- La pace è fatta. Il presidente del Senato Pietro Grasso a Palermo in visita ufficiale è accolto dal governatore Rosario Crocetta. Tramontati i dissapori involontari. Tramontata la polemica dopo le dichiarazioni dell'ex assessore Franco Battiato che aveva parlato di "troie in Parlamento". La visita è stata corredata da una breve conferenza stampa, di cui potete leggere le dichiarazioni nella diretta testuale che ha accompagnato la diretta video di Livesicilia. Il presidente Grasso ha auspicato la formazione di un governo. Ha rispedito al mittente la proposta grillina di un Parlamento senza esecutivo. A una domanda sulle recenti affermazioni di Marco Travaglio, ha risposto: "Di Travaglio non parlo più. Saranno i cittadini a decidere". All'ultimo la sopresa pasquale del presidente Crocetta: "Revocata definitivamente l'autorizzazione del Muos".

LA NOSTRA DIRETTA

La conferenza stampa è terminata.

12.31: Crocetta: "Vi annunciò che l'assessorato al Territorio e ambiente ha revocato definitivamente l'autorizzazione al Muos di Niscemi".

12.30. Il caso Travaglio: "Non ho nulla da aggiungere, non aprirò più bocca su questi temi. I cittadini giudicheranno".

12.28. Grasso risponde alle domande: "Mi auguro che ci sia un governo. Qualcuno dice che si può andare avanti senza un governo? Io ci ho provato, è impossibile".

12.18. Parla il presidente Grasso: "C'è bisogno dei cittadini che devono formare quella comunità che possa aiutare a costruire il futuro. Questa mia presenza qui significa che non sono mai andato via. Non ho mai dimenticato questa terra e non la dimenticherò mai. È un segnale di continuità. La mia prima visita da presidente del Senato in Sicilia è iniziata con l'incontro di colui che rappresenta tutti i siciliani. Il nostro abbraccio è stato, in realtà, un abbraccio ideale a tutti i siciliani. C'è una certa affinità tra regione siciliana e Senato: tutti gli emolumenti dell'Ars sono parificati a quelli proprio del Senato. C'è anche una legge statale che impone la trasparenza. Sul web verranno pubblicati presto gli stipendi di tutti. Ma sia chiaro: io conosco tanti funzionari che hanno lavorato con impegno e onestá. Dobbiamo isolare coloro i quali hanno dato invece un'immagine negativa delle istituzioni. La Costituzione è la prima legge antimafia, visto che vuole eliminare le diseguaglianze, perché la mafia priva i cittadini della loro libertà di esprimersi nel lavoro, nelle opinioni e frena lo sviluppo. Insieme, Statuto siciliano e Costituzione possono rappresentare le linee guida in questo senso. Ma c'è bisogno anche dei cittadini che possano aiutare le istituzioni che lo meritano a cercare la pace sociale. Sono orgoglioso di essere siciliano, sono orgoglioso di essere italiano".

12:13 - Parla Crocetta: "Sono orgoglioso di accogliere un siciliano che ha dato la sua vita nella lotta alla mafia, ma anche per esprimere l'orgoglio della Sicilia. Grasso è un siciliano che rappresenta la migliore Sicilia, che sta già venendo fuori con gli imprenditori che denunciano, con un governo che cerca di fare spending review per aiutarti deboli - dice il governatore -. La Sicilia non chiede più soldi a Roma, ma vuole solo che si rispetti lo Statuto. Stamattina sono rimasto commosso quando alcuni manifestanti fuori da Palazzo d'Orleans hanno detto 'Crocetta uno di noi'. Mi sono commosso perché in questi casi ti aspetti la protesta, e invece accade il contrario. Nelle scuola dobbiamo fare studiare lo Statuto e la Costituzione. Se non partiamo da questi elementi, i diritti e i doveri fondamentali non andiamo da nessuna parte".

12:10 - Crocetta regala a Grasso un agnello pasquale di frutta martorana e un Crocifisso tratto da una nave di immigrati affondata. "I regali più belli, a volte, - ha detto Crocetta - sono quelli che non costano nulla". Il governatore poi consegna al presidente del Senato lo Statuto della Regione Siciliana: "Oggi vogliamo utilizzare l'autonomia per il riscatto della Sicilia".

12:06 - Entrano in sala Alessi il presidente del Senato Piero Grasso e il presidente della Regione Rosario Crocetta.

11:52 - Il messaggio del presidente Grasso sul libro d'onore della Regione siciliana: "Ritorno nella mia Sicilia per la prima volta come presidente del Senato ed ho voluto come primo atto rendere omaggio al presidente della Regione siciliana, Rosario Crocetta, abbracciandolo come rappresentante di tutti i siciliani, che non ho mai dimenticato e non dimenticherò mai, pur avendomi le mie varie funzioni portato spesso fuori dalla mia terra. Sappiano tutti i siciliani che sono orgoglioso di essere siciliano e italiano".

11:27 - Grasso e Crocetta sono a colloquio nella stanza del governatore a Palazzo d'Orleans. A breve inizierà la conferenza stampa.

11:07 - Il presidente del Senato è arrivato a Palazzo d'Orleans. Stretta di mano con Crocetta, poi i due entrano a palazzo.

11:05 - Il presidente della Regione, mentre attendeva Grasso, è stato avvicinato da alcuni interinali della Multiservizi, soffermandosi con loro alcuni minuti.

11:00 - Crocetta è uscito da Palazzo d'Orleans per attendere Grasso.


PALERMO - Il Presidente Presidente della Regione siciliana Rosario Crocetta riceve in visita ufficiale a Palazzo d'Orleans il Presidente del Senato Piero Grasso. L'incontro segue alle tensioni provocate dalle dichiarazioni di Franco Battiato all'Europarlamento, stigmatizzate dal presidente del Senato. La vicenda si è chiusa con l'allontanamento dalla giunta di Battiato deciso da Crocetta. Oggi la visita "distensiva" del presidente di Palazzo Madama. Alle 11:00, presso la sala Alessi, si terrà l'incontro con la stampa.