Live Sicilia

Il processo di Marsala

Denise, il nodo delle intercettazioni
"Anomalia nella trascrizione"


Articolo letto 3.341 volte

In aula il consulente della difesa, ascoltato sui diversi modi di tradurre le intercettazioni dal dialetto mazarese all'italiano. Ha parlato di "anomalia linguistica" sulla trascrizione di una frase.

VOTA
3/5
2 voti

denise pipitone, intercettazioni, marsala, mazara del vallo, Cronaca, Trapani
Il tribunale di Marsala
MARSALA (TRAPANI) - E' iniziata con la deposizione di Giovanni Ruffino, ex docente di "dialettologia italiana" all'Università di Palermo, consulente della difesa di Jessica Pulizzi, l'udienza del processo, davanti il Tribunale di Marsala, per il sequestro della piccola Denise Pipitone, scomparsa da Mazara del Vallo (TP) il primo settembre 2004, quando aveva poco meno di quattro anni. Alla sbarra, oltre alla Pulizzi, sorella (per parte di padre) della bambina rapita, c'é anche il suo ex fidanzato Gaspare Ghaleb, accusato di false dichiarazioni al pm.

Il consulente della difesa, ascoltato sui diversi modi di tradurre le intercettazioni dal dialetto mazarese all'italiano, ha parlato di "anomalia linguistica sulla trascrizione della frase 'a casa c'ha purta" (pronunciata da Jessica, l'11 settembre 2004, all'interno del Commissariato di polizia di Mazara, mentre a bassa voce parlava con la madre, Anna Corona, ndr) tradotto dal mazarese come se fosse dialetto palermitano". Mentre la frase "a picirridda asciddricò, che il consulente della parte civile Indorato ha trascritto "a picciridda cadi" (la bambina è caduta ndr) è compatibile con l'area mazarese. La qualità della registrazione, però, è scadente.

L'intercettazione
Anche un consulente della difesa, il perito trascrittore Giulia Drago
, ha ammesso di avere sentito, ascoltando l'intercettazione ambientale effettuata l'11 settembre 2004 all'interno del Commissariato di polizia di Mazara del Vallo (Trapani), Jessica Pulizzi pronunciare, parlando a bassa voce con la madre Anna Corona, la frase "a casa c'ha purtai" (l'ho portata a casa, ndr). Secondo l'accusa il riferimento era a Denise. Il consulente è stato ascoltato in Tribunale, a Marsala, nel corso dell' udienza del processo per il sequestro della piccola Denise Pipitone, scomparsa da Mazara del Vallo il primo settembre 2004, quando aveva poco meno di quattro anni. Alla sbarra, oltre alla Pulizzi, sorella (per parte di padre) della bambina rapita, c'é anche il suo ex fidanzato Gaspare Ghaleb, accusato di false dichiarazioni al pm. "Il fatto che sia un consulente della difesa a dire di avere sentito quella frase - commenta l'avvocato di parte civile Giacomo Frazzitta - è di notevole importanza".