Live Sicilia

AI CANTIERI CULTURALI DELLA ZISA

Capitale europea 2019
Orlando: "Vincerà Palermo"


Articolo letto 2.126 volte
2019, capitale europea, comune, orlando, palermo, sgarlata, stancheris, zisa, Palermo
Il sindaco Orlando e gli assessori Sgarlata e Stancheris

Presentato ai Cantieri culturali della Zisa il primo workshop cittadino in vista della candidatura di Palermo a capitale europea della cultura per il 2019. A prendere parte all'evento il sindaco di Palermo, Leoluca Orlando e i neo assessori regionali Michela Stancheris e Mariarita Sgarlata


PALERMO - Promuovere il dialogo interculturale, favorire la conoscenza reciproca dei cittadini del mondo, valorizzare e potenziare il turismo, sognare una città diversa e vivibile: sono questi gli obiettivi posti come preludio della candidatura di Palermo a capitale europea della cultura per il 2019. Ha preso il via, dalla storica sede dei Cantieri culturali della Zisa, l'inaugurazione del primo workshop cittadino in vista del processo di designazione che porrà a confronto, per lo stesso titolo, diversi competitor in Italia.

Una due giorni di discussioni e approfondimenti in cui trattare i temi più urgenti da inserire nel dossier del modulo di candidatura, valorizzare lo sviluppo della città e promuovere il coinvolgimento del tessuto economico-sociale e delle istituzioni del territori. A prendere parte all'evento, tra gli altri, il sindaco di Palermo, Leoluca Orlando che ha aperto l'incontro: “Oggi parte un grande progetto per il palermitano civile che vuole coniugare radici e ali nonostante tutte le critiche ricevute in passato – queste le parole con cui il padrone di casa si è rivolto ai presenti – una provocazione, invece, per gli incivili e i barbari che ignorano, disprezzano e continuano a buttare fango sulla nostra bella città. Non voglio più sentire dire che Palermo rappresenta l'ombelico del mondo, bisogna essere orgogliosi della propria identità solo così potremo trionfare e noi vinceremo, ne sono sicuro”.

Presenze eccellenti, inoltre, quelle dei neo assessori regionali Michela Stancheris e Mariarita Sgarlata. I due nuovi membri della giunta targata Crocetta hanno espresso la propria vicinanza all'iniziativa e si sono dette soddisfatte del cammino intrapreso. “La sfida intrapresa ha bisogno di una grandissima mobilitazione e dello sforzo complessivo delle istituzioni, della politica, della società civile, delle associazioni – ha dichiarato l'assessore regionale ai Beni culturali – è un impegno di cambiamento reale non solo per Palermo ma anche per tutta la Sicilia. Mi piace molto l'idea secondo cui questa città rappresenti lo specchio dell'intera Regione”.

La Sgarlata, poi, ha parlato dell'incarico che si trova a ricoprire da qualche settimana e delle iniziative culturali da attuare nel breve periodo: “Il governo regionale, proprio nell'ambito di questo progetto, mira a raggiungere gli standard culturali europei. E' già in itinere, infatti, un intervento per il polo museale di Palermo, che prevede una messa in rete e un adeguamento dei principali musei della città”.

“Mi batte il cuore sentendo parlare d'Europa – ha dichiarato l'assessore al Turismo Stancheris – la cosa che mi piace di più di questa candidatura è il fatto che venga da una Regione che può rappresentare il ponte verso il mediterraneo. Palermo, come capofila, è molto interessante per l'Unione europea perchè può essere una città importante per creare un dialogo con gli altri paesi”. Il neo assessore ha anche parlato delle difficoltà vissute dal capoluogo al momento e della necessità di una presa di coscienza da parte dei cittadini: “Ciò che preoccupa sono soprattutto i problemi infrastrutturali e ambientali in cui versa la città – ha continuato la Stancheris – ma sono convinta che questo progetto possa essere anche un monito per far maturare il concetto di amore e rispetto dei cittadini verso i nostri patrimoni”.