Live Sicilia

Duemila malati in Sicilia

Distonia, ai malati
serve più assistenza


Articolo letto 1.536 volte

Per assistere i malati si vuole creare in Sicilia e a Palermo, una sede dell' Associazione Italiana per la Ricerca sulla Distonia per poter assistere ed aiutare i pazienti.

VOTA
0/5
0 voti

distonia, salute, sanità, sicilia, Salute
PALERMO - I duemila malati siciliani di distonia hanno sempre piu' difficolta' a curarsi. Il problema maggiore riguarda la terapia. Per eseguire le cure, infatti, e' necessaria la tossina botulinica, una proteina efficace per contrastare gli spasmi muscolari, ma sempre molto rara da trovare negli ospedali italiani. Lo rende noto l'associazione italiana per la ricerca sulla distonia. Per assistere i malati si vuole creare in Sicilia e a Palermo, una sede dell' Associazione Italiana per la Ricerca sulla Distonia per poter assistere ed aiutare i pazienti. Il referente medico e' il dottor Marcello Romano che presta servizio all'azienda Ospedaliera Villa Sofia. La distonia e' una malattia neurologica caratterizzata dalla presenza di spasmi muscolari involontari e protratti che determinano posizione anomale del corpo e che puo' colpire differenti muscoli: dal collo, all'occhio, dalle mani alle corde vocali. ''Fino ad ora - dice Paolo Girlanda, responsabile Centro di riferimento distonie Policlinico di Messina - siamo riusciti a seguire tutti i nostri malati, ma temiamo per il futuro. E' necessario trovare una soluzione in accordo con l'assessorato alla Salute per evitare che qualche malato non arrivi a curarsi o debba farlo a proprie spese''. ''In altre regioni italiane- afferma Paolo Corsi, presidente nazionale Ard - la situazione e' migliore che in Sicilia. In Lombardia, ad esempio,si e' piu' avanti nel riconoscimento, nell'assistenza e nelle cure''. Domani e dopodomani a Villa Magnisi, a Palermo, confronto di specialisti che parleranno di distonie e presenteranno il progetto della nuova sede siciliana. Interverranno specialisti provenienti da tutta la Sicilia e Corsi.