Live Sicilia

Ars

Ecco la Finanziaria


Articolo letto 7.725 volte
finanziaria, maxiemendamento, Politica

Tutti i nodi fondamentali del documento. Dalle proroghe ai precari, al fondo per gli enti locali, passando ai vari interventi di spending review.

VOTA
4.2/5
6 voti

PALERMO- Il testo è molto corposo, ed è composto da una settantina di articoli. Quelli, cioè, che compongono il maxi emendamento governativo al testo base. In questo, ecco tutti i nodi fondamentali della Finanziaria. Dalle proroghe ai precari, al fondo per gli enti locali, passando ai vari interventi di spending review.

 Le proroghe ai precari variano: per alcune categorie la copertura finanziaria è fino al 31 luglio, per altre fino alla fine del 2013. In sintesi, però, le proroghe sono arrivate per gli "esperti" della Protezione civile e del dipartimento acque e rifiuti, per i dipendenti di Consorzi di bonifica, Eas, Esa, e per gli ex Pip di "Emergenza Palermo". Abolito il Ciapi di Palermo (i dipendenti passeranno a quello di Priolo), mentre per le Partecipate, si conferma il blocco delle assunzioni: le nascenti società potranno solo assorbire dipendenti provenienti dalle liquidate. Nasce anche l'ufficio che dovrebbe essere guidato da Tano Grasso. Ma non sarà un dipartimento, bensì un'Autorità regionale per la vigilanza sui contratti. A dirigerla, si legge in Finanziaria, una personalità dalla "comprovata esperienza anti-mafia".

Previsto anche il ricorso a un mutuo da 360 milioni, per contribuire al ripianamento del disavanzo iniziale di un miliardo. E rispunta, poi, la nuova versione della cosiddetta "Tabella H". Sarà finanziata da un Fondo da 25 milioni. Ma il finanziamento a "enti, Teatri, fondazioni ed altri organismi di diritto pubblico è subordinato al riconoscimento negli statuti della partecipazione delle Regione agli organi di amministrazione e controllo".