Live Sicilia

Ragusa

Estorsioni al porto turistico
Indagine sugli stiddari


Articolo letto 5.663 volte

In tre sono accusati di avere costretto il titolare di una società di Catania, nel 2007 impegnata nei lavori di costruzione del porto turistico di Ragusa e di consolidamento dell'area portuale di Scoglitti, a pagare 80.000 euro.

VOTA
0/5
0 voti

estorsioni, porto turistico, ragusa, stidda, Cronaca, Ragusa
RAGUSA- Tre avvisi di chiusura di indagini sono stati notificati dai carabinieri del Comando provinciale di Ragusa ad altrettanti presunti appartenenti alla 'stidda' detenuti, accusati di aver costretto a pagare un pizzo di 80mila euro il titolare di una società di Catania impegnata nel 2007 nei lavori di costruzione del porto turistico di Ragusa e di consolidamento dell'area portuale di Scoglitti. Gli accusati sono Paolo Cannizzo, Salvatore Fede e Filippo Ventura.

I carabinieri hanno accertato anche un incontro tra gli indagati ed esponenti di cosa nostra che fanno capo al clan Santapaola, sotto la cui 'protezione' la vittima già si sarebbe trovata, per accordarsi in ordine a chi dovesse sottoporre ad estorsione l'impresa per i lavori in provincia di Ragusa. I provvedimenti sono stati emessi dalla Dda di Catania per estorsione aggravata dall'aver agito con modalità mafiosa per agevolare la mafia di Vittoria. A fronte di un rifiuto della vittima, sarebbero stati danneggiati in più occasioni i veicoli dell'impresa.

Salvatore Fede