Live Sicilia

BAGHERIA

Sfondano la vetrata con un'auto
Rubata merce per 10mila euro


Articolo letto 1.668 volte

I malviventi hanno agito con una Fiat Panda rubata, fatta schiantare a grande velocità sulla vetrata. Sono scappati con smartphone, palmari, modem e pc. Secondo i commercianti i colpi messi a segno in questi giorni sono il frutto della chiusura al traffico del corso.

VOTA
5/5
1 voto

auto, bagheria, corso umberto, ladri, telefoni, wind, Palermo
BAGHERIA (PALERMO) - Un piano studiato fino all'ultimo dettaglio, messo in pratica intorno alle 3 di notte, quando nella piccola cittadina di Bagheria c'è silenzio anche lungo la strada principale, corso Umberto. I ladri hanno preso di mira il negozio di telefonia "Wind", nel quale hanno fatto irruzione, setacciando ogni angolo, dopo avere sfondato la vetrina con una macchina rubata. L'auto, una Fiat Panda, risultata rubata il giorno stesso, è stata infatti utilizzata per distruggere la vetrata. I malviventi sarebbero riusciti a procurarsi una trave di quelle utilizzate dalle ferrovie e l'avrebbero caricata sul portapacchi dell'auto. Dopo sarebbero entrati in azione posizionandola tra il marciapiede e il piano stradale, in modo che la Panda potesse prendere un'ampia rincorsa partendo dalla vicina via XX Settembre.

Un colpo in cui i ladri non hanno trascurato alcun aspetto: la velocità e la forza dell'impatto hanno ridotto in frantumi il vetro antiproiettile e permesso loro di rubare decini di telefonini. Il bottino ammonta ad oltre diecimila euro, tra smartphone di ultima generazione, modem, pc, netbook e palmari. Sul posto sono arrivati gli agenti di polizia del commissariato di Bagheria con gli uomini della scientifica che hanno effettuato i rilievi di eventuali tracce lasciate dai ladri. Si tratta dell'ennesimo colpo messo a segno nei negozi della cittadina alle porte di Palermo: per molti commercianti il fenomeno deriverebbe dalla chiusura al traffico delle auto. Già stamattina, si sono riuniti per tentare di chiedere al Comune la riapertura della strada alla circolazione, almeno nelle ore notturne.