Il patrimonio apparteneva agli eredi di Calogero Russello, morto nel 2009 e condannato in via definitiva, nel 2007, per associazione mafiosa legata alla spartizione di appalti e al voto di scambio.